La Nuova Provincia > Palio > A.S.T.A., mezzo secolo di vita raccontato in maniera divertente e suggestiva
Palio Asti -

A.S.T.A., mezzo secolo di vita raccontato in maniera divertente e suggestiva

Cinque coppie sul palco a narrare episodi di una storia affascinante

Celebrazioni del “cinquantennale”

I festeggiamenti per la celebrazione del “cinquantennale dell’A.S.T.A. – Gruppo Sbandieratori del Palio di Asti” hanno preso il via con una serata svoltasi negli spazi di Fuoriluogo. Come già affermato da due responsabili del Gruppo, il presidente Gianfranco Castaldo e il dirigente Fabrizio Massetti, in occasione della conferenza stampa di presentazione tenutasi a marzo a Palazzo Ottolenghi, le iniziative che via via si susseguiranno nel corso dell’anno non sono da intendersi quali eventi autoreferenziali per il Gruppo ma momenti da condividere con i cittadini, soprattutto con i giovani, nei luoghi più caratteristici della città.

Serata di successo

L’appuntamento tenutosi a Fuoriluogo, moderato e coordinato da Roberta Bellesini, presidente della Biblioteca Astense, ha fornito l’occasione per analizzare e raccontare i cinquant’anni dell’A.S.T.A. oltrechè per mostrarne la veste storica ed il suo spirito giovane ed innovativo.

Cinque coppie a raccontare

I primi dieci anni del Gruppo (1968-1977) sono stati illustrati in maniera divertente, suggestiva e toccante da Ezio Mosso e Dario Occhi Villavecchia. Gli anni dal 1978 al 1987 hanno invece avuto quali relatori Giuseppe “Pepe” Goria e Giuseppe “Beppe” Barolo. A seguire, decennio 1988-1997, il microfono è passato a Giuseppe “Beppe” Massetti (divertentissimo nel suo racconto, infarcito di “piemontesismi”) e a Massimo Massini. E’ poi toccato a Rolando Doglione e a Mauro Merlo sviluppare il racconto relativo ai successivi due lustri: 1998-2007. La narrazione del mezzo secolo di vita del Gruppo è stata completata da Denis D’Amico e Giorgio Senacheribbe, ed ha riguardato il decennio dal 2008 fino ad oggi.

Studenti del Liceo “B. Alfieri” premiati

Al termine della serata sono stati premiati tre studenti del Liceo Artistico “B. Alfieri”, autori del Logo del cinquantennale del Gruppo, del Drappo e del Manifesto: Maria Cristina Imarisio, classe quarta G; Sara Pioggia, quarta F, e Alicia Sidoriac, lei pure della quarta F, accompagnate dall’insegnante Iolanda Rega. Oltre ai crediti formativi hanno ricevuto la somma di 300 euro destinata la scuola. Il 17 e 18 aprile, una delegazione dell’A.S.T.A. sarà ricevuta a Roma in Udienza Generale da Papa Francesco.

Massimo Elia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente