La Nuova Provincia > Palio > Dino Pes inizia l’annata salendo quattro volte sul podio
Palio Asti -

Dino Pes inizia l’annata salendo quattro volte sul podio

In evidenza nella riunione senese anche Andrea Chessa, fantino di Montechiaro, che ha conquistato due piazze d’onore

Riscontri in ottica astigiana

La riunione di corse svoltasi domenica nell’impianto senese di Pian delle Fornaci ha portato alla ribalta alcuni fantini da ritenersi sicuri protagonisti del nostro Palio in programma il prossimo 2 settembre. A iniziare da Dino Pes, fantino della Cattedrale, che oltre a vincere la prima corsa su Uva Passa, femmina di 5 anni, ha conquistato pure una piazza d’onore con Ugo Ricotta (maschio di 5 anni) e due terzi posti nelle prove a seguire, rispettivamente con il purosangue ribattezzato Capitan America, e con il “mezzo” Robolt, anglo-arabo di 8 anni.

Bene anche Carìa e Mereu

In evidenza anche Francesco Carìa, confermatissimo ad Asti da San Martino San Rocco dopo la piazza d’onore dell’anno passato su Preziosa Penelope, vincitore alle “Fornaci” di una delle due prove riservate ai purosangue con il suo Nocciolo. Come sempre competitivo e determinato Simone Mereu, monta del Rione Santa Caterina, che ha timbrato con puntualità il cartellino aggiudicandosi la quarta corsa in groppa ad Ultimo Baio, valido soggetto di cinque anni. Per lui anche un secondo posto nella settima corsa della riunione senese su Villana, femmina di quattro anni.

Siri è pronto per Legnano

Antonio Siri ha mostrato di essere pronto per il Palio di Legnano, dove monterà per la Contrada San Domenico, vincendo la seconda delle due corse per purosangue con il suo affidabilissimo Norman Price. A settembre “Amsicora”, questo il suo soprannome, indosserà in Piazza Alfieri il giubbetto di San Damiano.
Non poteva mancare all’appuntamento con il successo Giuseppe Zedde, trionfatore nel 2017 ad Asti per il Borgo San Lazzaro (che lo ha riconfermato), dominatore dell’ottava corsa sull’anglo-arabo Resta, soggetto di otto anni che ha destato una positiva impressione.

Pusceddu e Gessa: piazze d’onore

Anche altri fantini con ingaggio ad Asti hanno brillato alle “Fornaci”.
Valter Pusceddu (Torretta) si è piazzato secondo nella prima corsa riservata ai purosangue su un soggetto ribattezzato Binno, ottenendo identico piazzamento nella quinta corsa (sempre riservata a soggetti purosangue) su Monte Sirai. Secondo posto per Sandro Gessa (Tanaro) nella quarta prova, che vedeva al via esemplari mezzosangue, su Calliope da Clodia, femmina di quattro anni.

Ingaggio a Ferrara per Andrea Chessa

In evidenza nella riunione senese anche Andrea Chessa, fantino di Montechiaro, che ha conquistato due piazze d’onore: nella sesta corsa su Tempesta da Clodia, femmina di sei anni che Nappa II, questo il suo soprannome, montò ad Asti l’anno scorso, e poi nell’ottava corsa su Tuesola, cavalla mezzosangue di sei anni.
Andrea Chessa sta vivendo un momento particolarmente positivo della sua carriera, poichè, dopo la conferma (pressoché scontata) giuntagli dal Comune biancoceleste per il prossimo 2 settembre, è stato ingaggiato a Ferrara dalla Contrada San Giorgio, vincitrice del Palio dell’anno passato nella città estense con l’accoppiata Simone Mereu – Pressing de Mores.

Massimo Elia

max.elia@virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente