La Nuova Provincia > Senza categoria > A spasso per Cremona
Senza categoria Asti -

A spasso per Cremona

Il nome della città è di origine gallica. Ci sono molte leggende sulla fondazione della città, di sicuro è stata fortificata dai Romani attorno al 200 a.C. come accampamento sulle rive del Po.

Cremona era una delle più grandi, ricche e popolose città d’Italia con una storia molto interessante.

Il nome della città è di origine gallica. Ci sono molte leggende sulla fondazione della città, di sicuro è stata fortificata dai Romani attorno al 200 a.C. come accampamento sulle rive del Po. Nel Medio Evo, grazie alla sua alleanza con l’Imperatore, Cremona durante il corso degli anni, ha potuto condurre numerose guerre alle città vicine, fino a diventare la città più grande e popolosa dell’Italia Settentrionale. La ricchezza della città si è basata soprattutto sul commercio del sale con tutta l’Italia perché il sale, allora, era prezioso come l’oro, sia nella cucina sia nella conservazione dei cibi.

Cremona ha una lunga tradizione per la fabbricazione dei violini. In questa città ci sono state e ci sono molte scuole e università specializzate nell’insegnamento del mestiere del liutaio. Qui insegnano teoria, poi lo studente si dovrà recare in una bottega per imparare il mestiere pratico. A questo punto può restare in quella bottega o aprirsene una propria. Da Cremona arrivavano molti famosi liutai quali Antonio Stradivari, Andrea Amati, Andrea Guarneri e molti altri ancora.

 Oggi Cremona è molto visitata da molti turisti che vengono ad ammirare le bellezze storico-artistiche come il Duomo, il Torrazzo, la Loggia dei Militi e la Piazza del Comune.

Tutti questi edifici e la banca centrale Cremonese sono affacciati alla Piazza del Comune, che è la piazza principale.

Il Duomo è il principale luogo di culto cattolico della città. E’ un vasto tempio romanico continuamente riadattato con elementi gotici, rinascimentali e barocchi. All’interno conserva capolavori di pittura e scultura di grandi artisti.

Il Torrazzo è situato accanto al Duomo ed è il simbolo della città: si tratta di una torre campanaria con un orologio astronomico che, anticamente, era la più alta d’Italia (ora la seconda).

Infine la Loggia dei Militi è un edificio storico tra i più antichi della città. Era il luogo di riunione della “Società dei Militi”, una società che esisteva già da molto tempo, alla quale appartenevano i più ricchi abitanti della città.

Se volete un consiglio dalla II D….visitatela!

Arianna Carnovale e Alessia Manetta II D Brofferio

Articolo precedente
Articolo precedente