La Nuova Provincia > Senza categoria > Le “macchinette” della scuola
Senza categoria Asti -

Le “macchinette” della scuola

Sono numerosi gli articoli di giornale e gli approfondimenti sul tema “cibo e salute” e noi, a questo proposito, vorremmo parlare delle nostre tanto “amate macchinette”. E’ così che noi

Sono numerosi gli articoli di giornale e gli approfondimenti sul tema “cibo e salute” e noi, a questo proposito, vorremmo parlare delle nostre tanto “amate macchinette”. E’ così che noi studenti chiamiamo i distributori automatici di snack e bevande. Le “macchinette” sono la gioia e il dolore, il paradiso e l’inferno per noi alunni, perchè presentano caratteristiche contrapposte tra loro: i cibi proposti sono controllati e di qualità, ma non si possono proprio definire salutari. Tuttavia i ragazzi li amano molto, soprattutto per il loro gusto saporito e stuzzicante.

Da un veloce sondaggio condotto da noi ragazzi i distributori dovrebbero contenere cibi più sani e gli snack ipercalorici e ipersodiciso dovrebbero essere sostituiti con sandwich, yogurt e frutta fresca. Di solito, davanti alle “macchinette” si forma molta coda, segno della grande attrattiva che esercitano e nel corridoio diventa faticoso poter circolare, soprattutto se si deve scendere in cortile. Per superare questo problema alcuni studenti propongono di aumentare il numero di distributori all’interno dell’edificio scolastico.

Anche i prezzi delle merendine dovrebbero essere più calibrati; nell'ultimo anno sono aumentati di parecchio e questo non permette a tutti gli studenti di usufruire di questo servizio. La maggior parte degli alunni concorda sul fatto che sia un pregio la presenza delle bottigliette d’acqua, utili per dissetarsi nel corso della mattinata e in particolare dopo le lezioni di educazione fisica e in generale la comodità che questi distributori offrono agli studenti quando, per qualche motivo, hanno dimenticato la merenda a casa.

Classe II B
Musso Alberto, Stobbione Luca, Bonetti Jacopo, Cullaj Samuele, Cantore Filippo, Feo Daniele, Carafa Riccardo, Bustone Gabriele

Articolo precedente
Articolo precedente