La Nuova Provincia > Sport > Città di Asti verso il sogno serie A
Sport -

Città di Asti verso il sogno serie A

Città di Asti

Non è un sogno, ma realtà. Sabato il Città di Asti ha disputato una partita storica, in trasferta a Merate, ha recuperato un 4-0 iniziale che sembrava aver compromesso il passaggio del turno, e ha dimostrato che con la determinazione e il cuore di tutti i giocatori si trattava solo di una partenza in salita e la gara si è conclusa con la vittoria degli astigiani, dopo i tempi supplementari. L’inizio della partita non è stato a favore della squadra di Gianfranco Lotta, infatti il Saints Pagnano è andato in gol con Mauri, Cavadini, Bertino e Zaninetti, quindi dopo poco più di 5′ i locali erano già sul 4-0. Sachet ha fallito due tiri liberi e poco dopo l’arbitro ne ha fischiato uno anche per il Saints Pagnano, ma la palla è finita sul palo e da questo momento c’è stata la svolta per il Città di Asti. Gli astigiani hanno accorciato le distanze con Ongari e nel finale del primo tempo con il capitano Maschio. Sono andati a riposo sul 4-2 e, considerando il 5-3 dell’andata, i gol messi a segno fino a questo momento erano 7 a testa. Nella ripresa, Zaninetti ha allungato il vantaggio, ma pochi minuti dopo Maschio è andato di nuovo a segno, deviando un tiro di Banzato. La partita è diventata sempre più maschia e sono aumentati i falli, così il Saints Pagnano ha beneficiato di due tiri liberi, ma Tropiano li ha neutralizzati con sicurezza. Zaninetti ha segnato un altro gol, ma a 6′ dalla fine Gianfranco Lotta ha inserito il portiere di movimento e al 16’52” Mendes ha firmato il 6-4 e si è andati ai supplementari. Nel primo tempo supplementare ha segnato Ongari. Nel secondo tempo supplementare, il Saints Pagnano ha schierato il portiere di movimento e ha subito un’altra rete di Ongari, seguita da una di Mendes. Nel finale i locali hanno segnato il settimo gol con Zaninetti, ma Ongari ha finalizzato il gol-sorpasso che ha permesso alla squadra astigiana di passare il turno per affrontare il Real Cornaredo (che ha eliminato il Lecco).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente