La Nuova Provincia > Sport > I grandi del basket con Tranquillo e Roggero
Sport Asti -

I grandi del basket con Tranquillo e Roggero

Una bella serata, in una location davvero suggestiva, FuoriLuogo, che ha confermato come Asti sia una città che ama profondamente la pallacanestro

Cinque uomini, un quintetto ideale di rivoluzionari del “gioco made in Usa”: l’allenatore-uomo d’affari, il giocatore all’avanguardia, lo scommettitore incallito, l’arbitro tutto d’un pezzo e il coach visionario. Storie vere che raccontano come il cambiamento, dentro e fuori dal campo, ha più a che fare con la forza di volontà e la capacità di cogliere delle opportunità che con la tecnica e il talento.

Le leggendarie imprese di Bob Douglas e degli Harlem Rens, la rivoluzione del tiro operata da Kenny Sailors, la controversa figura di Jack Molinas, la personalità senza limiti di Earl Strom e il genio tattico di Pete Newell rappresentano alcuni dei momenti più significativi dello sport che più di tutti ha incarnato la libertà d’espressione e d’interpretazione, nel gioco come nel pensiero.

Su questi temi il giornalista Flavio Tranquillo, volto noto di Sky, ha incentrato il suo libro Basketball r-evolution (Baldini & Castoldi, 2016). Venerdì sera, in una serata per veri amanti della pallacanestro ma non solo, FuoriLuogo Asti ha ospitato “The Voice”, il telecronista più amato della pallacanestro Nba ed italiana. In un’ora e mezza, Flavio Tranquillo e l’amico Nicola Roggero, volto di spicco di FuoriLuogo e di Sky, hanno disquisito di basket ma non solo.

Si è parlato di cultura sportiva, di curiosità, di America e dei mali che, purtroppo, attanagliano il nostro paese, primo fra tutti la mafia. Tranquillo si è confermato un fine oratore, variando senza difficoltà da temi più leggeri ad altri complessi, citando le icone Julius Erving, Pete Newell, e regalando agli spettatori qualche curioso aneddoto del sodalizio professionale con Federico Buffa che, ahinoi, “non credo proprio tornerà a fare telecronache”. Una bella serata, in una location davvero suggestiva, che ha confermato come Asti sia una città che ama profondamente la pallacanestro.

Davide Chicarella

Articolo precedente
Articolo precedente