bava cocchi
Agricoltura
Spumante millesimato

Cocconato: l’Alta Langa Pas Dosé tra i top al mondo

Riconoscimento per la Giulio Cocchi dalla rivista statunitense “Wine Entusiast”
Prestigioso riconoscimento per la Giulio Cocchi, storica azienda. L’Alta Langa Docg Pas Dosé millesimo 2014 è infatti entrato nella lista “The best wines of 2022” comprendente i 100 migliori vini del mondo, stilata dalla prestigiosa rivista statunitense “Wine Entusiast”.

Il Pas Dosé è l’unico Alta Langa in classifica tra i 19 spumanti da tutto il mondo (di cui 7 italiani) presenti nella lista su 21 mila vini degustati alla cieca, prodotti in 17 diversi Paesi. Il punteggio ottenuto è stato di 95. Ma tutti gli Alta Langa di Cocchi hanno ottenuto punteggi sopra i 90, dimostrando la grande coerenza qualitativa della produzione.

Si tratta di uno spumante esclusivamente millesimato da uve Pinot Nero e Chardonnay, può essere bianco o rosato, brut o pas dosé e richiede non meno di 30 mesi di affinamento come previsto nel disciplinare (ma può raggiungere i 60 mesi): il remuage delle bottiglie avviene rigorosamente a mano.

La Giulio Cocchi dal 1978 è di proprietà della famiglia Bava, che ha trasferito la sede a Cocconato e rilanciato lo storico marchio, con la difesa del Barolo chinato dall’oblio, la riproposizione del Vermouth di Torino e la valorizzazione dell’Alta Langa docg.

Giulio Cocchi era un giovane pasticcere di Firenze che a fine Ottocento approdò casualmente ad Asti, dove scoprì il Moscato e la tendenza ad aromatizzare i vini con erbe e spezie.

Nel 1891 iniziò la sua attività specializzandosi nella creazione di vini aromatizzati e spumanti; ideò ricette originali per il Barolo chinato, diversi tipi di vermouth e l’aperitivo Americano, ottenendo successo e fama in breve tempo. L’idea, innovativa per l’epoca, fu di aprire rivendite autorizzate dove far degustare i propri prodotti; nel 1913 ve ne erano in Piemonte sette, che in breve salirono a 12. Oggi Cocchi è presente in 70 mercati dei cinque continenti.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale