Usa/ Sandy, un mese per calcolare danni alla Statua della Libertà
Altro

Usa/ Sandy, un mese per calcolare danni alla Statua della Libertà

Usa/ Sandy, un mese per calcolare danni alla Statua della Libertà
La riapertura resta a data da destinarsi


New York, 13 nov. (TMNews)
– Entro un mese si saprà il costo totale dei danni provocati dall’uragano Sandy alle isole Liberty ed Ellis che, rispettivamente, ospitano la Statua della libertà e il museo che racconta l’arrivo degli immigrati negli Stati Uniti all’inizio del secolo scorso. I documenti storici conservati a Ellis Island non sono stati danneggiati.

Sebbene la Statua della libertà abbia passato indenne la calamità naturale, l’isola su cui si trova ha riportato danni infrastrutturali significativi, ritardando indefinitamente la riapertura del monumento. Lo ha comunicato Mark Litterst, il portavoce del National Park Service, l’istituto che gestisce i parchi nazionali. La corrente elettrica è tornata su Liberty Island sabato scorso, ma il palazzo dove ha sede l’amministrazione deve fare i conti con un allegamento da 1,2 metri.

Il molo su cui attraccano i battelli che trasportano i turisti in arrivo da Manhattan potrebbe dover essere ricostruito. La statua da 93 metri, che può oscillare sette centimetri con venti da circa 80 chilometri orari, era stata chiusa per un anno perché sottoposta a ristrutturazione.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo