Amnesty International è in crisi, staff contro vertice
Altro

Amnesty International è in crisi, staff contro vertice

Amnesty International è in crisi, staff contro vertice
Sciopero nelle sedi, voto sfiducia a segretario generale Shetty


Roma, 15 nov. (TMNews)
– E’ crisi dentro Amnesty International, l’ong che da oltre mezzo secolo si batte per dar voce a chi non ce l’ha. Il consiglio dei membri, che si è riunito ieri nel quartier generale dell`organizzazione a Londra, ha deciso di votare la sfiducia alla propria leadership, accusata di aver “perso di vista gli obiettivi” dell’organizzazione. Una crisi, scrive oggi l’INdependent, che “minaccia la stessa esistenza” dell’ong.

Il problema di “superficie” riguarda una riorganizzazione struutturale dell’ong, con il taglio di una ventina di posti dei 700 esistenti. Ma il problema “reale” è ben più profondo ed è stato definito come una “battaglia per l’anima” del movimento per i diritti umani.

Il consiglio dei membri ha detto di non credere più nell’operato del segretario generale, Salil Shetty e dei suoi collaboratori più stretti. Accuse cui i vertici hanno replicato, sostenendo da un latro che i membri hanno presentato un quadro “inaccurato”, e difendendo dall’altro il “processo di rinnovamento” dell’ong, che prevede una riduzione dei dipendenti della sede centrale di Londra e un rafforzamento delle sedi regionali.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo