Scuola/Movimento va avanti, studenti pronti a nuove mobilitazioni
Altro

Scuola/Movimento va avanti, studenti pronti a nuove mobilitazioni

Scuola/Movimento va avanti, studenti pronti a nuove mobilitazioni
Giovedì assemblea a Roma.Cancellieri: Sabato ha vinto democrazia


Roma, 26 nov. (TMNews)
– Dopo la manifestazione nazionale di sabato a Roma, il movimento degli studenti delle scuole superiori italiani ha in cantiere nuove forme di mobilitazione e protesta e ha dato appuntamento per un’assemblea ai raòppresentanti di tutti i licei interessati alla protesta per giovedì prossimo alle 16 al Liceo Aristofane di Roma per dare corso alle nuove forme di mobilitazioni e formalizzare un coordinamento fra le diverse scuole.

“Sabato il Coordinamento delle scuole era in piazza a Roma nella manifestazione degli studenti e delle studentesse partita dalla Piramide, con i propri striscioni: “Gli unici professori da tagliare sono quelli al governo” e “Dignità e futuro per la scuola pubblica statale” e con gli striscioni di tante scuole di Roma che aderiscono al coordinamento. Ancora una volta – si spiega in un documento del coordinamento studenti – il movimento ha manifestato in massa, dopo il 10 e il 14 novembre scorsi, per chiedere una radicale inversione di rotta nelle politiche per l`istruzione pubblica: “no al disegno di legge Aprea – Ghizzoni attualmente in discussione al Senato; no all`aumento dell`orario di lavoro per gli insegnanti, inserito nel disegno di legge di stabilità; no al concorso-truffa; per il rifinanziamento della scuola pubblica statale; basta soldi alle private”.

Quella di sabato, ha detto a proposito della manifestazione degli studenti la ministro degli Intreni Annamaria Cancellieri,”è stata una bella giornata, ha vinto la democrazia”. Ne è convinta il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, per la quale “c’è stata da entrambe le parti un grande impegno quindi è una cosa molto positiva”.

Secondo il ministro, in questo momento difficile per quanto riguarda la tenuta sociale, anche a seguito delle contestazioni della scorsa settimana “occorre molta capacità di dialogo” e “abbiamo ancora tantissima strada da fare”.”Ci deve essere un messaggio di rispetto reciproco – ha aggiunto il ministro dell’Interno -. La forza dell’ordine è lo stato e occorre un rispetto non borbonico ma serio. Chi offende e colpisce le operazioni delle forze dell’ordine colpisce lo stato. Dall’altra parte lo Stato deve essere rispettoso dei manifestanti”.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo