Monti/ Camusso: Come la Thatcher, sul lavoro sbaglia tutto
Altro

Monti/ Camusso: Come la Thatcher, sul lavoro sbaglia tutto

Monti/ Camusso: Come la Thatcher, sul lavoro sbaglia tutto
Al Corsera: ricetta vecchia con tagli retribuzioni e tutele


Roma, 24 dic. (TMNews)
– “Non siamo noi ad essere fermi al passato, è Monti che propone una ricetta vecchia di 30 anni”. Così il segretario della Cgil, Susanna Camusso, commenta la conferenza stampa di fine anno del presidente del Consiglio Mario Monti, con particolare riguardo ai temi del lavoro, in una intervista a Il Corriere della Sera.

“La sua ricetta – spiega Camusso – prevede il taglio delle retribuzioni e la riduzione delle tutele nei contratti nazionali di lavoro. Una ricetta – prosegue il leader della Cgil – che abbiamo già conosciuto con la Thatcher, con Reagan, con il precedente Governo italiano. Un programma che ha già dimostrato tutta la sua fallacia aumentando la precarietà e riducendo il valore sia del lavoro sia delle imprese. Ho la sensazione che Monti insista su questa strada liberista anche perchè non è abituato a misurarsi con la concretezza dei problemi del lavoro”.

Quanto alla critiche avanzate dal premier, secondo cui la Cgil avrebbe frenato il Pd su riforma del lavoro e produttività, Camusso risponde: “per nulla, siamo solo stati dialettici come deve essere una forza sociale. Ma Monti, non è una sorpresa, non riconosce la nostra autonomia e la nostra rappresentanza. Mi colpisce che si parli del sindacato come di un ostacolo alle riforme e di un ex presidente di Confindustria che è stato molto rappresentativo della sua organizzazione, Montezemolo, come società civile”.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale