Governo/ Palazzo Chigi: L'80% delle riforme già esecutive
Altro

Governo/ Palazzo Chigi: L’80% delle riforme già esecutive

Governo/ Palazzo Chigi: L’80% delle riforme già esecutive
“Il possibile è stato fatto, molto si può fare nei restanti mesi”


Roma, 30 dic. (TMNews)
– “L’attività di pochi mesi del Governo, anche per l’attività attuativa, dimostra che il possibile è stato fatto e che ancora molto si può fare nei restanti mesi”. E’ quanto si legge in una nota dell’ufficio stampa di palazzo Chigi , che ha il fine di fornire delle “precisazioni” anche in relazione “ad alcuni articoli di stampa che fanno riferimento allo stato di attuazione delle riforme varate dal Governo in carica”.

Nel comunicato del Governo “si precisa che le sette manovre legislative adottate tra dicembre 2011 e agosto 2011 (otto, se si considera che la spending review è iniziata con un primo decreto che prevedeva la nomina del dottor Enrico Bondi a Commissario) sono costituite da un complesso di quasi tremila disposizioni”.

“In circa 490 casi la norma primaria ha rinviato, per la sua integrazione, attuazione o esecuzione, ad atti secondari: regolamenti o atti amministrativi. La maggioranza (circa l’80%) delle disposizioni di legge adottate dal Governo è quindi ‘auto-esecutiva’, e cioè è già effettiva e sufficientemente disciplinata, e non richiede ulteriori norme per produrre effetti”.

“Alcuni esempi – si legge nel comunicato di palazzo Chigi – sono la riforma delle pensioni, l’Imu, la tracciabilità del contante, la tassa sul lusso e le misure anti-evasione. In materia di concorrenza e liberalizzazione, si pensi alla eliminazione delle tariffe professionali, al tribunale delle imprese, ai prezzi dei farmaci, ai farmaci generici, alla estensione alle microimprese della disciplina del codice del consumo per le pratiche commerciali scorrette. In tema di incentivazioni, infine, si pensi al bonus ristrutturazioni”.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo