Hitler,
Altro

Hitler, “Il mio vicino”, nel ricordo di un bambino ebreo

Hitler, “Il mio vicino”, nel ricordo di un bambino ebreo
A Monaco, Feuchtwanger abitava di fronte al futuro Fuehrer


Roma, 14 gen. (TMNews)
– Tra il 1929 e il 1933 Adolf Hitler abitava al numero 16 di Prinzregentenplatz, a Monaco. Un bambino ebreo, oggi quasi novantenne, ricorda la sua infanzia, quando abitava di fronte a colui che avrebbe distrutto la sua vita, la sua famiglia e quella di milioni di ebrei.

Ogni giorno, il piccolo Feuchtwanger, passava davanti alla casa di Hitler, per andare e tornare da scuola: “Mi guardava dritto negli occhi, non credo sorridesse”, ricorda Edgar Feuchtwanger, in un libro dal titolo “Mon Voisin, Souvenirs D’un Enfant Juif”, (Il mio vicino, ricordi di un bambino ebreo) appena uscito in Francia.

“Sembra così semplice raccontare di come vivevo nella stessa strada di Hitler, del fatto che non era chissà cosa”, Feuchtwanger aveva detto una volta alla Bbc, “ma è così difficile pensare che le persone che incontravi tutti i giorni sono state poi la causa di un finimondo”. Anche una volta trasferito a Berlino, Hitler tornava regolarmente al numero 16 di Prinzregentenplatz fino alla sua morte nel 1945. “Hitler veniva a Monaco nei finesettimana. Si capiva che era a casa perché c’era la sua auto parcheggiata fuori”.

Nel 1938, il padre di Feuchtwanger venne arrestato dalla gestapo e deportato a Dachau. Tutta la famiglia fuggì quell’anno stesso per il Regno Unito. Feuchtwanger oggi vive nell’ Aveyron, in Francia.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo