Brindisi/ Vantaggiato entra in aula malfermo, sguardo assente
Altro

Brindisi/ Vantaggiato entra in aula malfermo, sguardo assente

Brindisi/ Vantaggiato entra in aula malfermo, sguardo assente
Giudice chiede consenso a riprese, l’imputato non risponde


Brindisi, 17 gen. (TMNews)
– Giovanni Vantaggiato, imputato per la strage della scuola Morvillo Falcone di Brindisi è entrato nella gabbia laterale, nell’aula della Corte di Assise, dove oggi si apre la prima udienza del processo, visibilmente dimagrito e malfermo, sorretto dagli agenti della penitenziaria che lo scortavano.

Gli stessi agenti lo hanno fatto sedere. Quando il presidente della Corte di Assise, Domenico Cucchiara, si è rivolto a lui per chiedere il consenso alle riprese fotografiche e televisive, non ha risposto. Sguardo assente, gli occhiali tra le mani, Vantaggiato è rimasto in silenzio, nonostante le domande ripetute del magistrato che chiedeva “Ha compreso quello che le ho detto?” L’imputato non ha rivolto alcun cenno in risposta e il magistrato ha quindi concluso: “Ripetutamente interpellato, non dà risposta, non esprime alcuna manifestazione”.

I genitori di Melissa non hanno mai rivolto uno sguardo verso la gabbia dove è seduto Vantaggiato. Sono rimasti in silenzio, con il capo chino.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale