Bce/ Oggi direttorio, attese stime Pil con impatto balzi euro
Altro

Bce/ Oggi direttorio, attese stime Pil con impatto balzi euro

Bce/ Oggi direttorio, attese stime Pil con impatto balzi euro
E a Draghi possibili domande su ‘tsunami’ elezioni Italia


Roma, 7 mar. (TMNews)
– L’euro di nuovo sotto accusa e l’Unione valutaria impantanata nella recessione, con la disoccupazione che aumenta inanellando nuovi massimi storici e creando uno stridente contrasto con quanto avviene negli Usa, dove invece la situazione migliora. Resta difficile il contesto nel quale la Banca centrale europea si trova a dover ponderare le sue scelte di politica monetaria. E a complicare il tutto ci si son messe anche le elezioni in Italia, i cui risultati hanno fatto calare una cappa di incertezza su quella che è la terza maggiore economia dell’area euro.

Ieri sera i banchieri centrali si sono ritrovati alla cena che
tradizionalmente precede il Consiglio direttivo. Oggi alle 13 e 45 verranno annunciate le eventuali decisioni operative, e la maggior parte degli analisti non prevedono variazioni rispetto ai livelli attuali dei tassi di interesse: il principale tasso ufficiale di rifinanziamento nell’area è al minimo storico dello 0,75 per cento. Alle 14 e 30 poi il presidente Mario Draghi terrà la conferenza stampa esplicativa, in cui illustrerà le previsioni aggiornate da parte dei tecnici della Bce su crescita economica e prezzi. Visti gli sviluppi recenti in questo caso gli analisti si attendono revisioni al ribasso sul Pil 2013, per cui tre mesi fa la Bce indicava tra un meno 0,9 per cento e un più 0,3 per cento.

Difficilmente, poi, il capo della Bce non si vedrà rivolgere
domande sul quadro politico della sua madre patria, anche se
finora si è tenuto al largo dall’argomento. E se gli sviluppi
politici sono in effetti un argomento che esula dalle competenze
di una Banca centrale, Draghi potrebbe però decidere di dire
qualcosa se interpellato sui propositi di referendum sull’euro,
ribaditi dai neo eletti del Movimento 5 stelle. E poi dovrà
confrontarsi con un argomento più attinente al suo ruolo:
possibili domande sul nodo dei cambi. Eurostat, l’ente di statistica dell’Ue, ha riferito che il crollo dell’export subito dall’area euro nel quarto trimestre 2012 (-0,9%) è stato il principale fattore che ha contribuito all’aggravamento della recessione, con un meno 0,6 per cento del Pil.

E la caduta delle esportazioni si è verificata in concomitanza
di una brusca risalita dell’euro: Nel dicembre del 2012 era
arrivato a superare 1,32 dollari, un livello del 9,4 per cento
superiore al minimo toccato a fine luglio, poco sopra quota 1,20
dollari. Intanto nell’Unione valutaria i disoccupati sono
arrivati a toccare quota 19 milioni, un valore mai visto prima
con un tasso di disoccupazione medio che ha raggiunto l’11,9 per
cento. Più del doppio rispetto al 5,3 per cento della Germania,
che assomiglia sempre più ad una locomotiva che, essendosi
sganciata dal treno, corre ormai in solitario.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo