Spagna/ Rajoy lancia piano
Altro

Spagna/ Rajoy lancia piano “shock” contro disoccupazione giovani

Spagna/ Rajoy lancia piano “shock” contro disoccupazione giovani
Under 30 che avviano impresa continueranno a ricevere sussidi


Madrid, 12 mar. (TMNews)
– Il governo della Spagna cerca di prendere di petto la disoccupazione giovanile annunciando un piano con “15 misure shock”, tra i quali vi sono anche alcuni provvedimenti abbastanza originali. Come la possibilità per gli under 30 che avviano una impresa di continuare a percepire i sussidi di disoccupazione per nove mesi, oppure addirittura di farsene versare in una unica soluzione l’equivalente dell’intero ammontare. Un provvedimento che chiaramente punta a creare un incentivo per regolarizzare l’enorme quota di economia sommersa che si è creata in Spagna, e che vede tra i suoi beneficiari anche molti di coloro che dichiarandosi formalmente disoccupati percepiscono i relativi sussidi.

Il pacchetto di misure, annunciato oggi dal premier Mariano Rajoy incontrando le parti sociali, complessivamente vale 3,485 miliardi di euro su quattro anni, che per quasi un terzo (32 per cento) verranno finanziati dall’Unione europea. In Spagna oltre un attivo con meno di 25 anni su due è disoccupato, ed il paese ha il più elevato tasso di disoccupazione di tutte le economie avanzate, oltre il 26 per cento secondo l’Ocse.

Prevede innanzitutto un grande intervento di formazione “ai giovani che non hanno lavoro, né opportunità di occupazione in quanto hanno un deficit di istruzione: sono in 450.000”, ha detto il premier. Sono poi previsti questi aiuti alla creazione di imprese, tra cui la riduzione dei contributi sociali per 800 euro l’anno, per tre anni al massimo, a favore di coloro che assumano un giovane con meno di 30 anni. L’Ue per parte sua ha previsto di sbloccare 6 miliardi di euro nel suo bilancio 2014-2020 a favore delle regioni in cui la disoccupazione giovanile superi il 25 per cento.

Scettici però sul piano del governo i due maggiori sindacati spagnoli, l’Ugt e il Ccoo, che parlano di “effetti limitati” dell’intervento se non verrà accompagnato da un riorientamento della politica economia che dia priorità al lavoro rispetto al risanamento dei conti. (con fonte Afp)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo