Mikhail Gorbaciov: quando cadde il Muro di Berlino dormivo
Altro

Mikhail Gorbaciov: quando cadde il Muro di Berlino dormivo

Mikhail Gorbaciov: quando cadde il Muro di Berlino dormivo
Allo Stern: perchè svegliarmi, nostra posizione era chiara


Roma, 13 mar. (TMNews)
– Mikhail Gorbaciov è venuto a sapere solo la mattina del 10 novembre 1989 che nella notte era caduto il Muro. L’ex presidente dell’Unione Sovietica stava dormendo nel suo letto e non fu svegliato: “Non era necessario”, ha confidato in un’intervista al settimanale tedesco Stern. “Ho appreso i dettagli la mattina presto. Poichè la nostra posizione era chiara fin dall’inizio, non importa quale frastuono ci sarebbe stato”, ha spiegato Gorbaciov.

Le due Germanie erano una bomba a orologeria, che a lungo andare non avrebbe potuto convivere con l’Europa, secondo l’ex leader sovietico. Lui era convinto che la riunificazione tedesca fosse nell’interesse di tutti: “Anche se allora, sia Gran Bretagna che Francia all’inizio erano contrari”, ha ricordato.

Ancora oggi, invece, Gorbaciov si sente in colpa per la scomparsa della moglie Raissa, morta nel 1999 per leucemia a Muenster: “Ci penso ogni giorno – ha rivelato l’82enne politico a Stern – che io non abbia potuto salvarla. Lei mi è sempre stata vicino, ha rinunciato a tutto. Per il mio successo e la mia carriera ha lasciato tutto. Avrei dovuto proteggerla”, ha concluso Gorbaciov.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo