Fmi/ Italia, ripresa solo in 2014, taglio stime Pil '13 a -1,5%
Altro

Fmi/ Italia, ripresa solo in 2014, taglio stime Pil ’13 a -1,5%

Fmi/ Italia, ripresa solo in 2014, taglio stime Pil ’13 a -1,5%
Disoccupati oltre 12%. E pesa incertezza politica


Roma, 16 apr. (TMNews)
– Anche quest’anno L’Italia, insieme alla Spagna, registrerà una recessione più profonda rispetto agli altri Paesi europei con la ripresa economica che arriverà solo nel 2014. E’ la previsione del Fondo Monetario Internazionale che nel suo World Economic Outlook, presentato oggi a Washington, ha tagliato le stime del Pil italiano portandole a
-1,5% per il 2013 e confermandole a ­+0,5% per il 2014 con una variazione di 4 decimi di punto rispetto alle stime, già negative, formulate in gennaio.

Il tasso di disoccupazione tricolore alla fine dell’anno prossimo continuerà a salire toccando quest’anno sfiorerà il 12% della forza lavoro e arrivando al 12,4% l’anno successivo ma la bilancia delle partite correnti – ed è un risultato che non si vedeva da anni – tornerà in attivo con un saldo degli scambi di merci e servizi positivo, in entrambi gli anni, per lo 0,3% del Pil. Sintomo di un lieve miglioramento della posizione competitiva del Paese, che presenterà peraltro un’inflazione in deciso ripiegamento dal 2% di quest’anno all’1,4% del 2014.

In più passaggi del rapporto gli economisti di Washington sottolineano come le incertezze della situazione politica italiana pesino sull’eurozona e sul miglioramento della situazione nei Paesi periferici.

La recessione inevitabilmente rallenterà il processo di risanamento in atto che varrà nel 2013 l’1% del Pil circa dal 2,25% del 2012 a causa della combinazione di alti tassi d’interesse e bassa crescita che sta rallentando i paesi periferici. La prospettiva del pareggio di bilancio in tale prospettiva è rinviata.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo