Salute/ Studio: L'olio extra vergine se di qualità è antistress
Altro

Salute/ Studio: L’olio extra vergine se di qualità è antistress

Salute/ Studio: L’olio extra vergine se di qualità è antistress
Aiuta a prevenire malattie cardiovascolari e tumori


Roma, 18 apr. (TMNews)
– Consumatori italiani più attenti alla qualità. Acquistano sempre più extra vergine, che rappresenta il 72% del fatturato per la Gdo contro il 13% di quello dell’olio di oliva; mentre sale al 12% la quota del marchio “100% italiano”.

Un segnale che denota una crescita culturale dei consumatori che associano alla categoria dell’extra vergine il concetto del prodotto di qualità, che piace sempre di più anche perché interessati alla propria salute.

Numerosi studi epidemiologici hanno mostrato che il consumo di olio d’oliva è associato ad un ridotto rischio di contrarre alcune patologie cronico-degenerative come le malattie cardiovascolari e i tumori. I fenoli secoiridoi, peculiari composti di questo alimento, possono essere alla base dei meccanismi di chemioprevenzione esercitati dall’olio d’oliva sui tumori. Recenti studi confermano tali proprietà preventive anche in modelli animali di cancerogenesi. Si può pertanto suggerire che l’uso regolare di un buon olio extravergine di oliva ricco di composti fenolici può prevenire l’insorgenza di alcune neoplasie maligne nell’uomo.

E’ quanto emerge, e ribadito, dai lavori dell’incontro salute e prevenzione. Nuove frontiere per l’extra vergine promosso a Chieti da Coldiretti – Fondazione Campagna Amica e Lega italiana per la lotta contro i tumori con la collaborazione di Unaprol.

(segue)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale