Tobin tax/ Italia pronta al veto se verrà imposta a Bot,Btp,Ctz
Altro

Tobin tax/ Italia pronta al veto se verrà imposta a Bot,Btp,Ctz

Tobin tax/ Italia pronta al veto se verrà imposta a Bot,Btp,Ctz
Rappresentante presso Ue: “Per noi è linea rossa invalicabile”


Bruxelles, 19 apr. (TMNews)
– Il governo italiano è pronto al veto contro la proposta di applicare anche ai titoli di Stato, e dunque a Bot, Btp e Ctz, la futura tassa europea sulle transazioni finanziarie (ufficialmente Ftt, ma meglio nota come ‘Tobin Rax’). Lo ha detto oggi a Bruxelles il rappresentante permanente dell’Italia presso l’Ue, Ferdinando Nelli Feroci, precisando che anche altri paesi sono su questa linea, mentre è soprattutto la Germania a insistere per l’inclusione nel campo di applicazione della tassa le transazioni sui bond del debito sovrano, come d’altra parte prevede la proposta della Commissione europea.

L’Italia è uno degli 11 paesi membri che hanno promosso la ‘cooperazione rafforzata’ sulla Tobin tax, insieme a Germania, Spagna, Francia, Grecia, Belgio, Austria, Olanda, Slovenia, Slovacchia ed Estonia. La ‘cooperazione rafforzata’ è stata decisa per aggirare il veto dei paesi contrari, in una materia (la fiscalità) che prevede che le decisioni dei Ventisette siano prese all’unanimità. Ma, una volta che il processo è partito, vale comunque il principio dell’unanimità anche fra i paesi della stessa cooperazione rafforzata.

“L’esclusione delle transazioni sui titoli di Stato dalla base imponibile della tassa è una linea rossa invalicabile e non negoziabile: per noi c’è una sensibilità tale che sarebbe inammissibile. Su questo punto siamo pronti anche allo scontro, a un confronto anche molto duro”, ha detto Nelli Feroci.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale