Tav/ Lupi: Il 13 giugno arrivera' ok a progetto definitivo
Altro

Tav/ Lupi: Il 13 giugno arrivera’ ok a progetto definitivo

Tav/ Lupi: Il 13 giugno arrivera’ ok a progetto definitivo
Intanto stilata road map per compensazioni in Valsusa


Torino, 23 mag. (TMNews)
– Una road map per dare corso alle compensazioni, o “opere di valorizzazione” come le definisce il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, per i comuni della Val di Susa, interessati dalla Torino-Lione. E’ quanto e’ stato messo a punto oggi a Torino, nel corso della riunione della Task force, governo-enti locali, per la Tav.

“Il 30 maggio sara’ convocata una riunione del Cipe, in via straordinaria, nella quale sara’ stabilita la rimodulazione delle risorse” ha anticipato Lupi. Risorse che verranno riallocate, secondo uno schema che vedra’ uno stanziamento di 2 milioni nel 2013, e poi 4 nel 2014 e altrettanti nel 2015, ha spiegato il ministro Lupi.
Dieci in tutto quindi i milioni da qui al 2015 per le opere compensative in favore della Val di Susa, mentre il plafond totale e’ di 136 milioni.

Entro la stessa data gli enti locali, coordinati dalla Regione Piemonte, dovranno trasmettere l’elenco definitivo delle opere da finanziare. “Ricordo che lo stanziamento complessivo ammonta a 136 milioni, e se quindi arrivasse anche un piano piu’ generale di opere per i primi 36 mesi cio’ faciliterebbe l’iter procedurale” ha aggiunto il ministro.

Il 13 giugno sara’ poi convocata la Conferenza dei Servizi per la verifica e l’approvazione del progetto definitivo della Torino -Lione.

Poi occorrerà “prevedere una norma che possa permettere ai comuni interessati da tratte transnazionali di sforare il patto di stabilita’”. Si tratta di una richiesta avanzata dai comuni interessati dalla Torino-Lione, “che comprendiamo e capiamo” ha puntualizzato Lupi.
“Ci impegniamo nel breve tempo a trovare la strada” ha promesso il ministro.

Il governo “cercherà’ di lavorare in questa direzione, per permettere che le risorse allocate non siamo inutili” ha concluso, ma non prima di un confronto con il Ministero dell’Economia.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo