M5S/ Lettera parlamentare: Palazzo ha paura, non lasciateci soli
Altro

M5S/ Lettera parlamentare: Palazzo ha paura, non lasciateci soli

M5S/ Lettera parlamentare: Palazzo ha paura, non lasciateci soli
Anonimo sul blog di Grillo: Ora sanno che non siamo come loro


Roma, 27 mag. (TMNews)
– “Da tre mesi, come ha detto Alessandro Di Battista, vediamo tutte le mattine “la mafia in faccia”, quella che non spara, che non ha pallottole ma usa la legge, l’emendamento, il regolamento, l’articolo di giornale o la comparsata in tv per dire ai sudditi, ‘questo è il nostro paese e ci facciamo quello che vogliamo’. Lo fanno da sempre. Ma adesso hanno paura. Sanno che non siamo come loro. Siamo quelli che vigilano, controllano e che sono pronti a votare le buone idee, di chiunque siano. E magari ce ne proponessero una. Ma non ci facciamo prendere in giro. Non ci prendete in giro, questo è un consiglio. Smettetela di raccontarci che l’antiberlusconismo esiste ancora. Non esistono più soldatini blu e soldatini rossi, ora sono tutti grigi: votano le stesse cose, dicono le stesse bugie, e hanno lo stesso odore, quello che si sente nelle camere di obitorio, davanti ai morti”.

In forma volutamente anonima il blog di Beppe Grillo ha pubblicato oggi una “lettera di un parlamentare dal Palazzo” marca la differenza fra il lavoro nei palazzi della politica dei parlamentari a cinque stelle e quello di chiunque altro frequenti a qualsivoglia titolo.

“‘Buongiorno onorevole, buongiorno senatore…’ mi sento dire ogni giorno quando arrivo al lavoro. Ancora adesso, a volte, dopo quasi tre mesi mi giro indietro, magari il saluto è rivolto a qualcun altro. No, sono io l’onorevole, il senatore. Ormai ci ho fatto l’abitudine, saluto, sorrido e vado avanti. Per i palazzi dove siamo entrati, Montecitorio e Palazzo Madama, in tanti, tantissimi, siamo quelli nuovi, i “grillini”, i ragazzini, “dilettanti allo sbaraglio senza proposte” ( Marina Berlusconi e his father dixit), quelli su cui fare “scouting” (cit. Bersani). Mi aspetta la commissione, l’emendamento da studiare con i miei colleghi, l’intervento in aula, il disegno di legge da presentare, l’interpellanza urgente sull’ennesimo disastro. E poi l’incontro con il sindacato, con Confidustria, con gli esodati”.

(segue)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo