Fiat/ Dalla Serbia al Nord America: consegnate le prime 500L
Altro

Fiat/ Dalla Serbia al Nord America: consegnate le prime 500L

Fiat/ Dalla Serbia al Nord America: consegnate le prime 500L
Tremila vetture aprono le consegne per il mercato nordamericano


Roma, 27 mag. (TMNews)
– Da Kragujevac al Nord America: dopo due settimane di viaggio, le prime Fiat 500L prodotte in Serbia e destinate al mercato nordamericano sono arrivate a destinazione.

Il 23 maggio la nave cargo con 3.000 Fiat 500L – informa il Lingotto – ha fatto tappa nel porto di Baltimora (Stati Uniti) dove ha effettuato la prima consegna. Dopo la sosta ha ripreso il mare per raggiungere il 26 maggio il porto di Halifax, sulla costa canadese, dove ha completato il trasporto.

Le 3.000 unità sono state prima trasportate, via treno, dallo stabilimento serbo di Kragujevac al porto di Bar (Montenegro) dove il 10 maggio sono state imbarcate su una nave cargo per il loro viaggio fino alle coste americane.

La produzione del modello 500L per il mercato nordamericano è iniziata a marzo nello stabilimento di Kragujevac, il più grande impianto per la produzione di automobili dell’Europa sud-orientale. Lo scorso febbraio Fiat è stata insignita del prestigioso titolo di ‘Companybest 2012’ dalla giuria di Autobest – l’organizzazione per il settore automobilistico dei mercati emergenti europei – proprio per gli investimenti effettuati per la ricostruzione della fabbrica serba che oggi è uno dei più moderni stabilimenti in Europa.

Fiat Automobiles Serbia (FAS) ha pianificato per il 2013 una produzione tra 110.000 e 150.000 unità che potrà soddisfare le richieste di oltre 100 mercati mondiali, compresi quelli di Nord America, Asia e Pacifico in cui il modello Fiat 500L sta per essere commercializzato. In seguito all’aumento dei volumi di produzione e dei piani di esportazione del modello Fiat 500L, sono stati assunti circa 600 nuovi lavoratori: attualmente lo stabilimento impiega poco più di 3.000 dipendenti e oltre 1.200 persone tra i fornitori dell’azienda.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo