Bosca
Altro
Approfondimento

Canelli: vaccinazioni, una giornata all’hub “Bosca”

Dall’accettazione all’inoculazione: tutto fila via liscio

Palestra di via Bosca. E’ un venerdì piovoso. Il parcheggio è saturo di auto, ma non c’è ressa. Al grande hub vaccinale, quattro corsie dedicate alle inoculazioni, approdano i cosiddetti “soggetti fragili”. Ci sono giovani, persone di mezza età, anziani, chi deve usare la carrozzella, uomini e donne accompagnate perché con difficoltà motorie. All’ingresso un addetto della Protezione Civile misura la temperatura e procede all’igienizzazione delle mani.

Un altro volontario ti accompagna al banco dell’accettazione: numero, scheda-report da compilare. Poi, ordinati, ci si siede in attesa del proprio turno. Dentro la prima tenda c’è il medico che effettua lo screening: puntuale, meticoloso, approfondito. «Ci fanno l’AstraZeneca?» chiede, tra il preoccupato e il timoroso una signora.

«Sa, con quel che si sente in televisione». Il medico, paziente, spiega che no, non verrà inoculato il siero anglo-svedese, bensì il Pfizer-Biontech. «Meno male – sospira la donna -. Del “Faiser” ne parlano bene». L‘anamnesi sulle condizioni di salute è lunga e puntuale. «Meglio di una visita dal mio dutur» scherza un inoculato che sta guadagnando l’area dei “15 minuti dopo”.

Nessuno si lamenta per l’attesa, che dura anche un’ora. «Luigi, ‘t voele ‘l giacon? A que ù fa freg» chiede, premurosa, la moglie al marito. Che fa spallucce, ma intanto si infila ‘l giacon.

Dietro la prima tenda, quando il dottore decide che sei abile a ricevere la dose, ti aspetta una crocerossina. Gentile, ti fa accomodare: camicia sul braccio alzata, un pic e “già fatto?”. Son passati più di 90 minuti da quando hai messo piede nell’hub. Ma, una volta tanto, tutto è filato liscio, senza intoppi. Chapeau.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail