La Nuova Provincia > Attualità > 1200 mascherine donate e distribuite a Villafranca
Attualità Villafranca - Villanova -

1200 mascherine donate e distribuite a Villafranca

Attivata un’iniziativa comunale di vicinanza telefonica

Mascherine gratuite per famiglie con un over 65

Si moltiplicano i gesti di solidarietà tra associazioni e privati di Villafranca. Grazie alle donazioni del Gruppo Vininvilla con Euro Master Evolution, Farmacia Scaletta e Cooperativa il Tiglio è iniziata la distribuzione di 1200 mascherine chirurgiche alle famiglie residenti a Villafranca con un over 65. La consegna è stata eseguita dall’Amministrazione comunale in collaborazione con i volontari del Gruppo di Protezione Civile che hanno lasciato le mascherine nelle buche delle lettere. Altre 650 mascherine sono state donate, sempre dalla Farmacia Scaletta di Villafranca, ai comuni di Cantarana, Roatto, Maretto e alla terapia intensiva dell’ospedale di Asti.

Telefonate agli anziani che vivono soli la quarantena

A Villafranca sono stati inoltre distribuiti i primi buoni spesa a 11 nuclei familiari e attivato grazie all’assessore al sociale Delfina Noto un supporto telefonico per dare conforto alle persone anziane costrette a stare a casa da sole per la quarantena. «L’assessore Noto effettua un numero di telefonate ogni giorno, non si tratta di un servizio di supporto telefonico, ma di una chiacchierata per farli sentire meno soli e allo stesso tempo un’occasione per capire se ci sono problematiche socio economiche che vanno affrontate. Chi volesse contattarla può farlo al numero: 0141/942485», spiega la sindaca Anna Macchia. «È una situazione difficile per tutti ma non dobbiamo mollare perché siamo sulla strada giusta: dal 4 aprile non abbiamo registrato nuovi contagi a Villafranca e delle 9 persone positive 3 sono guarite e 5 sono in quarantena. Questi dati ci danno una piccola speranza di poter tornare piano piano alla normalità. Anche per questo motivo ho deciso di sospendere il mercato settimanale per tutto il mese di aprile: non possiamo garantire una stretta vigilanza e non possiamo permetterci di vanificare gli sforzi fatti finora». 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente