Consiglio aperto gavello
Attualità
Consiglio comunale

A Moncalvo confronto pubblico sul fallimento della casa di riposo Gavello

La riunione si è tenuta mercoledì scorso al Teatro Civico. Secondo il commissario Bertana la maggior parte degli ospiti ha già trovato una nuova collocazione

Preoccupa tutti la situazione della Fondazione Gavello di Moncalvo: parenti degli ospiti, operatori sanitari e con essi i sindacati, amministratori comunali e comunità. Alla notizia, formalizzata dal commissario straordinario Pietro Bertana, della messa in liquidazione per la situazione debitoria non più sostenibile, molti sono stati gli interventi pubblici a partire dai congiunti degli ospiti. Il breve preavviso per trovare una nuova sistemazione, entro la fine di novembre, ha dapprima preoccupato e suscitato rabbia in alcuni, poi ha messo in moto la ricerca di una nuova struttura che sembra già andata a buon fine per la maggioranza dei ricoverati.

La situazione meritava un confronto pubblico che si è svolto nel Consiglio comunale aperto convocato mercoledì scorso al Teatro Civico. Il commissario Bertana ha spiegato di aver chiesto ai parenti degli ospiti di trasferire celermente i propri congiunti perché la procedura, formalmente avviata, della messa in liquidazione non avrebbe più garantito i livelli di servizio minimi di assistenza.

I gruppi di minoranza hanno fatto sentire durante la riunione il loro disappunto per l’epilogo fallimentare della gestione commissariale, già espresso attraverso precedenti comunicati e dichiarazioni pubbliche. Giovanni Sandiano ha espresso il rammarico per la perdita di un’istituzione significativa per la comunità di Moncalvo: «Era prima di tutto un asilo per i nostri anziani, in cui non si rincorreva per forza il profitto – ha detto il consigliere – dove venivano ospitati anche anziani che non potevano pagare un’intera retta. Merita un riconoscimento da parte del Comune? Che cosa è stato fatto per salvare la Gavello?».

Da parte dell’amministrazione comunale è stato ribadito che la Gavello è una struttura privata: «Era giusto condividere con la popolazione quello che è accaduto – ha dichiarato il sindaco Orecchia – ma abbiamo purtroppo potuto solamente essere a supporto del commissario, senza interventi diretti o economici, che non avrebbero in ogni caso consentito di salvare la struttura visti i suoi livelli di indebitamento. Nelle prossime settimane inizierà la liquidazione della Fondazione, la speranza ora è che la struttura immobiliare venga rilevata e trovi nuova vita nell’interesse della comunità».

La preoccupazione dei sindacati riguarda infine la ricollocazione dei dipendenti. «Per quanto riguarda i lavoratori della cooperativa si va delineando un riassorbimento presso la struttura di Montechiaro – ha detto il segretario della Camera del Lavoro di Asti, Luca Quagliotti – restano da sistemare i quattro dipendenti diretti dell’ente per i quali non è chiaro se il loro inquadramento rientri nel pubblico o nel privato».

Tutte le questioni aperte passano ora al tribunale fallimentare di Vercelli al quale la Regione girerà la documentazione sulla procedura di richiesta di liquidazione.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail