La Nuova Provincia > Attualità > A Nizza Monferrato Babbo Natale accoglierà i bambini in streaming
Attualità Asti Nizza Monferrato -

A Nizza Monferrato Babbo Natale accoglierà i bambini in streaming

Anche quest’anno in piazza Martiri di Alessandria, con l’approssimarsi delle festività natalizie, farà la sua comparsa un Albero di Natale

Negli ultimi anni, ormai per tradizione, l’8 dicembre ha visto la comparsa in piazza del municipio di un grande Albero di Natale. Le decorazioni nascevano da collaborazioni: se per due anni sono stati gli studenti delle scuole, tra i banchi, a realizzare i propria addobbi a partire da materiali riciclati, per educare al riutilizzo, nel 2019 il grande albero è stato decorato grazie al supporto dei Produttori del Nizza Docg. Anche quest’anno in piazza Martiri di Alessandria, con l’approssimarsi delle festività natalizie, farà la sua comparsa un Albero di Natale. Anticipa l’assessore nicese alle manifestazioni Marco Lovisolo: «Sarà un albero totalmente ecosostenibile, al cui fianco già nei prossimi giorni si potrà trovare la “cassetta delle lettere” di Babbo Natale». Un’altra consuetudine era stata infatti quella della presenza, l’8 dicembre, di un Babbo Natale in carne e ossa a fare foto e accogliere le richieste dei più piccoli. Sembra che le inconfondibili vesti rosse e bianche e la folta barba candida siano state sempre vestite da un componente dell’amministrazione comunale, ma su questo si preferisce mantenere il segreto, o meglio, la magia. E se il Babbo Natale nicese non potrà, quest’anno, fare la sua comparsa in piazza del comune per incontrare i bimbi, l’Assessore segnala una proposta alternativa: «Non potendo portare Babbo Natale ad incontrare i nostri bambini, come ormai di consueto, Nizza ha scelto comunque di non fermarsi. Dall’ufficio IAT di Nizza Monferrato verranno trasmesse 2 dirette Facebook». Sono state scelte le giornate di sabato 12 e sabato 19 dicembre, in entrambi i casi a partire dalle 17: «Sarà un’occasione per fare incontrare Babbo Natale ai bimbi collegati, che potranno fare domande oppure esprimere semplicemente uno dei loro desideri».
Fulvio Gatti