La Nuova Provincia > Attualità > A Nizza Monferrato la biblioteca “Umberto Eco” ha riaperto al pubblico
Attualità Asti Nizza Monferrato -

A Nizza Monferrato la biblioteca “Umberto Eco” ha riaperto al pubblico

L'assessore: «Il servizio è stato sospeso per circa 2 mesi. Dopo alcuni giorni per permettere la messa in isolamento dei libri, siamo felici di rendere nuovamente possibile accedere alla nostra “casa dei libri”»

La biblioteca di Nizza ha riaperto al pubblico

Ha riaperto al pubblico questa settimana la Biblioteca di Nizza “Umberto Eco”. Lo segnala l’assessore alla cultura Ausilia Quaglia: «Il servizio è stato sospeso per circa 2 mesi. Dopo alcuni giorni per permettere al personale una serie di operazioni per la messa in isolamento dei libri, siamo felici di rendere nuovamente possibile accedere alla nostra “casa dei libri”».

Orario dal martedì al sabato

Nuovo orario è dal martedì al sabato, dalle 9 alle 13, il martedì anche al pomeriggio dalle 15 alle 18 (prestiti entro le 17,30). Può accedere ai locali un adulto alla volta, mentre i bambini devono essere accompagnati da un adulto. Prosegue l’Assessore: «Ciascun utente dovrà essere munito di mascherina. Non sarà possibile muoversi tra le stanze, per raggiungere personalmente gli scaffali con i libri: a questo provvederanno su richiesta al ritiro e alla consegna».

Sui tavoli consigli di lettura

Per chi invece preferisce “farsi ispirare” dalle copertine, sui tavoli ci saranno alcuni consigli di lettura. Rimangono sospese, per ovvie ragioni, tutte le altre attività all’interno della biblioteca, dallo studio individuale alle presentazioni. Anche l’accesso viene regolamentato con attenzione ed è necessario suonare all’ingresso.

Prenotare i libri a distanza

Conclude Ausilia Quaglia: «Stiamo attivando le modalità per prenotare i libri a distanza. Inoltre la restituzione dei volumi comporterà una serie di precauzioni da parte del personale». Aggiornamenti e consigli di lettura si possono trovare sulle pagine facebook della Biblioteca di Nizza “Umberto Eco” e dell’Assessorato alla Cultura.
Fulvio Gatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente