La Nuova Provincia > Attualità > AAA Cercansi cimici asiatiche per allevamento: il curioso appello degli scienziati piemontesi
Attualità Asti -

AAA Cercansi cimici asiatiche per allevamento: il curioso appello degli scienziati piemontesi

Servono per alimentare le loro antagoniste naturali, le vespe samurai che verranno poi immesse in natura

Manifesti in tutta la Regione

Da ieri gira un curioso appello ai cittadini “targato” Regione Piemonte, Agrion e Disafa dell’Università di Torino: si cercano cimici asiatiche per allevamento.

Quelle impossibili e odiatissime cimici che non solo infestano le nostre case, ma soprattutto stanno decimando i raccolti piemontesi provocando moltissimi danni.

Serviranno per allevare la “vespa samurai”, antagonista naturale della cimice

L’appello arriva dal mondo della ricerca che sta lavorando al progetto di introduzione della “vespa samurai”, nome volgare del trissolcus japonicus considerato il miglior antagonista naturale della cimice asiatica in quanto ne attacca le uova.

Per mettere a punto il piano di lotta biologica, però, è necessario moltiplicare in laboratorio gli esemplari di vespa samurai prima di liberarli in natura e per riprodurre in gran numero questi utili insetti, servono molte uova  della cimice asiatica.

Servono migliaia di cimici

Per questo è indinspensabile avere a disposizione migliaia di adulti, maschi e femmine, da tenere in allevamento per la produzione delle uova che serivranno ad alimentare le vespe samurai in modo da consentirne la riproduzione.

Come rispondere all’appello

«Si chiede la collaborazione della popolazione per raccogliere quantità elevate di cimici asiatiche, e solo di quelle – si legge nell’appello – nei mesi di gennaio, febbraio e marzo. Chi trovasse adulti della cimice asiatica può inviare una segnalazione via mail a cimiceasiatica.disafa@unito.it. Si trovano prevalentemente in ambienti riparati come mansarde, sottotetti, cassonetti delle tapparelle, ripostigli vari. Per le segnalazioni è indispensabile individuare almeno una cinquantina di adulti per ogni luogo».

Sarà cura dei ricercatori prendere contatti con i cittadini per organizzare il sopralluogo e il prelievo degli esemplari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente