Ad Asti niente mini Imu nè addizionali Tares
Attualità

Ad Asti niente mini Imu nè addizionali Tares

A fronte di numerose persone che in questi giorni continuano a chiedere in Municipio informazioni per il pagamento della mini Imu e della quota di Tassa rifiuti di competenza statale, entrambe in

A fronte di numerose persone che in questi giorni continuano a chiedere in Municipio informazioni per il pagamento della mini Imu e della quota di Tassa rifiuti di competenza statale, entrambe in scadenza venerdì, si ricorda che la mini Imu non è dovuta al Comune di Asti, che, pur tra
notevoli sforzi finanziari, è riuscito a mantenere invariata al 4 per mille l’aliquota sulla prima casa. Discorso analogo per l’addizionale Tares poiché la quota di pertinenza statale era già stata compresa insieme alla quota comunale nelle bollette scadute lo scorso 31 dicembre.

«Molti comuni – spiega il sindaco Fabrizio Brignolo – hanno deciso di distinguere la quota di Tares effettivamente necessaria a coprire il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti sostenuto dal Comune dalla quota che viene invece dirottata direttamente allo Stato, prevedendo pagamenti separati. Abbiamo scartato questa soluzione, comprendendo tutto in un’unica bolletta, anche se questo ha tratto in inganno molti cittadini che hanno pensato che l’aumento della Tares fosse imputabile al Comune, mentre è conseguenza dell’aggiunta di una nuova tassa destinata allo Stato perché la scelta di inviare il conto con bollette separate avrebbe comportato costi maggiori (elaborazione, stampa e spedizione delle bollette) che sarebbero anch’essi ricaduti su nostri concittadini».

«Abbiamo insomma preferito scontare un po’ di impopolarità piuttosto che imporre ulteriori spese ai cittadini», conclude il Sindaco.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo