Cerca
Close this search box.
murales isola d'asti
Attualità
Galleria 
Inaugurazione

Ad Isola un grande murales dal lavoro degli alunni della primaria e dell’Artistico di Asti

L’opera ha come tema la storia della Gabbianella e il Gatto di Sepúlveda ed ha visto la collaborazione tra i bambini della scuola di Isola e gli allievi del Liceo artistico “B. Alfieri” e il supporto del Comune

La festa di chiusura dell’anno scolastico è stata l’occasione ad Isola d’Asti per l’inaugurazione del grande murales realizzato dagli alunni della scuola primaria “Monsignor Tartaglino” in collaborazione con gli studenti del Liceo Artistico “Benedetto Alfieri” di Asti. Il tema dell’opera è quello della “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, celebre romanzo di Luis Sepúlveda, scrittore di origini cilene scomparso nell’aprile 2020. «I nostri alunni, dopo aver approfondito i temi dell’accoglienza del diverso e della solidarietà, sono stati aiutati dai ragazzi del liceo artistico di Asti, guidati dai professori Silvia Caronna, Gabriele Sanzo, Elisabetta De Leonardis, a trasferire sul muro della scuola le immagini più significative della storia della Gabbianella Fortunata e del gatto Zorba – spiega la maestra Tiziana Forno, responsabile del progetto – I nostri bambini si sono divertiti a pitturare un po’ per uno e a partecipare al progetto, reso possibile grazie al finanziamento del Comune di Isola e all’interessamento del sindaco Michael Vitello, sempre pronto a venire incontro alle esigenze della scuola. Un ringraziamento particolare anche al dirigente dell’Istituto comprensivo di Costigliole Claudio Thoux e alla dirigente del Liceo artistico “B. Alfieri” di Asti Stella Perrone che hanno permesso questa significativa sinergia tra le due scuole. È stato bello vedere collaborare gli alunni della scuola primaria con gli studenti più grandi del liceo artistico: un bell’esempio di collaborazione tra diversi gradi di scuola».

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo