Nuovi atti di vandalismo al parco del Borbore3
Attualità
Galleria 
Il caso

Al parco del Borbore ancora vandali scatenati contro i giochi dei bambini

Purtroppo l’area verde continua a essere presa di mira da ignoti che fanno di tutto per danneggiare arredi e giochi a disposizione dei cittadini

Si è perso il conto dei casi di vandalismo che interessano il parco del Borbore dedicato a Emanuele Pastrone, in via Atleti Azzurri Astigiani. Una delle aree verdi più belle di Asti si dimostra anche una delle più indifese, nonostante le tante telecamere di sorveglianza installate che non hanno alcuna utilità a prevenire danneggiamenti e altre devastazioni a opera dei soliti ignoti.

Così, ancora una volta, i volontari del parco, che tanto fanno per cercare di preservarne la bellezza e la pulizia, si sono trovati davanti a scene già viste: giochi imbrattati da scritte di varia natura, l’altalena per disabili danneggiata, gli arredi creati da Roberto Novara nuovamente ricoperti di graffiti e scritte, senza considerate le tante lattine di birra abbandonate ovunque tracce di bivacchi notturni forse ad opere degli stessi vandali.

Qualcuno si sarebbe anche divertito ad accendere un fuoco, stando alle tracce di carta carbonizzata trovate sotto una panchina da Teresa Lazzarato, la volontaria che da anni cura il parco come se fosse il giardino di casa.

Eppure, nonostante l’impegno di un piccolo gruppo di persone per tenere il parco decoroso, sembra essere impossibile impedire che il parco venga ripetutamente vandalizzato. Ancora una volta la richiesta di Teresa è quella di avere più controlli in zona da parte delle forze dell’ordine per cercare di arginare il fenomeno.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Una risposta

  1. Una domanda all’assessore per la sicurezza: ma a cosa servono le decine di telecamere installate in città? Sono accese? Funzionano? Chi visiona le registrazioni?
    Viene davvero da chiedersi a cosa servano visto il ripetersi di questi episodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo