Casa di riposo Maina 2
Attualità
ULTIM’ORA

Alla Casa di Riposo “Città di Asti” sono iniziati i primi trasferimenti degli ospiti

Si tratta dei degenti assistiti su convenzione con il CO.GE.SA – Andranno nelle RSA di Villafranca, Montiglio Monferrato, Montechiaro, Ferrere e San Damiano

La notizia è arrivata pochi minuti fa, al termine dell’ultima conferenza stampa convocata dai sindacati nella Casa di Riposo “Città di Asti” per aggiornamenti sull’annunciata chiusura, ad oggi ipotizzata per il 31 dicembre, salvo proroghe di alcune settimane o mesi (si pensa al 31 marzo) chieste nel tavolo di crisi in prefettura.

Da ieri già sette ospiti dell’ex IPAB di Asti sono stati trasferiti in altre RSA dell’Astigiano, in particolare nel nord della provincia, su richiesta del CO.GE.SA (Consorzio Gestione Servizi Assistenziali). Altri otto ospiti verranno trasferiti entro il 27 dicembre. Sono tutti degenti della Casa di Riposo di Asti, assistiti dal CO.GE.SA tramite posti letto convenzionati. A confermare l’avvenuto inizio delle prime ricollocazione degli ospiti è proprio il presidente del CO.GE.SA, nonché sindaco di San Damiano e consigliere provinciale, Davide Migliasso.

«Nei giorni scorsi abbiamo fatto un’indagine per capire in quali RSA ci fossero posti letto disponibili ad accogliere i nostri assistiti e siamo riusciti a trovare tutti i posti necessari affinché ognuno di loro, entro il 27 dicembre, possa avere una nuova sistemazione. Ad oggi, informando ovviamente le famiglie e con tutte le attenzioni del caso, ne abbiamo trasferiti sette». In particolare il CO.GE.SA ha avviato questo piano di ricollocazione: sei ospiti alla Casa di Riposo di Villafranca, due in quella di Montiglio Monferrato, due a Montechiaro, quattro a Ferrere e uno a San Damiano.

«Ne approfitto per ricordare a tutte le famiglie dei nostri assistiti – aggiunge Migliasso – che, per ogni evenienza o richiesta in questo frangente, possono rivolgersi agli uffici del CO.GE.SA».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo