mensa sociale
Attualità
Sociale

Alla mensa dei poveri di Asti offerto un pranzo a base di tartufi dalla azienda Sebastiano

Anthony Sebastiano Tona ha donato ai meno fortunati un pranzo “stellato”

La mensa dei poveri è probabilmente l’ultimo luogo dove ci si aspetterebbe di mangiare tartufi, ma ieri è successo grazie alla generosità dell’azienda Sebastiano Tartufi di Asti. Quest’ultima, presente anche alla Fiera Mondiale del Tartufo d’Alba, ha deciso di pensare anche ai più indigenti, quelli che fanno fatica a mettere insieme i soldi per pagarsi un pasto caldo.

L’idea, di Anthony Sebastiano Tona, titolare dell’azienda, è stata accolta con grande riconoscenza dalle suore che gestiscono la struttura.

Il menu del giorno prevedeva tagliatelle al tartufo e uovo poché al tartufo Oro Nero Piemonte Grand’ Cru Sebastiano Tartufi. Un menu a sorpresa per i circa cinquanta ospiti che si sono presentati, come ogni giorno, alla mensa di Suor Luigina. Presenti anche il sindaco di Asti Maurizio Rasero, il presidente del Consiglio comunale Federico Garrone e il dottor Antonio Petruzzi de I Giovani Astigiani.

«Rappresenta per me un onore e un orgoglio poter esportare le eccellenze del nostro territorio nelle tavole più prestigiose del mondo e trovo giusto che anche i meno fortunati ogni tanto possano godere dei frutti della nostra terra che il buon Dio ci ha donato – commenta il titolare dell’azienda benefattrice Anthony Sebastiano Tona – soprattutto perché trattiamo solo e rigorosamente tartufo piemontese».

L’azienda di Sebastiano Tona è nota anche a livello internazionale perché tra le varie personalità che hanno assaporato i suoi tartufi ci sono anche Ivana Trump, Nichi Vendola, Aurelio De Laurentiis, Papa Francesco, Daniela Santanchè, Giorgia e Nico Rosberg.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo