La Nuova Provincia > Attualità > All’ombra dei tassi secolari del giardino pensile di Vaglio Serra
Attualità Nizza Monferrato -

All’ombra dei tassi secolari del giardino pensile di Vaglio Serra

Uno spazio suggestivo a disposizione dei visitatori per godere del panorama sulle colline e un'ideale cornice per l'allestimento di eventi

Tassi secolari nel giardino pensile comunale

Un vialetto che corre sotto suggestivi archi di delicate rose conduce ad uno dei gioielli che conserva il centro storico di Vaglio Serra: il giardino pensile, costruito si ritiene nel 1700, impreziosito da tassi secolari sotto cui si racconta che prendesse il fresco la Baronessa Crova. Uno spazio pubblico, di proprietà comunale, assolutamente affascinante e inatteso: alberi maestosi, dalle foglie verde brillante, si trovano al centro del giardino, perfettamente curato e rinnovato nei suoi arredi una decina di anni fa dal Comune, durante l’amministrazione guidata da Cristiano Fornaro. Panchine, illuminazione, camminamenti e un grazioso patio concorrono a creare una piacevole atmosfera di quiete e armonia.

Il giardino pensile comunale sulla sommità del borgo storico di Vaglio Serra

Punto panoramico e cornice per eventi

Il sindaco di Vaglio Serra Romeo Verri ci accompagna nella visita al giardino pensile, che si trova nel punto più alto del borgo storico, accanto al palazzo che fu dei Baroni Crova, sede del municipio, e al di sopra del caratteristico “Croton”, un’ampia cantina dalla volta a botte in mattoni. Dalla parte opposta, dove si trova il viale di ingresso al “Giardino dei tassi”, la piazza su cui si affacciano le due chiese di Vaglio, la chiesa parrocchiale e la chiesa dei Battuti, ora sconsacrata, poste proprio una accanto all’altra. «Il “Giardino dei tassi” è una delle peculiarità del nostro paese e vorremmo farlo conoscere e valorizzare ulteriormente – spiega il sindaco – Uno spazio a disposizione dei residenti e dei visitatori in cui godere il fresco e ammirare il panorama sulle colline, ma anche la cornice ideale per eventi di carattere culturale oppure per la celebrazione di matrimoni, come già avvenuto in passato». Il giardino pensile è accessibile durante l’intera giornata, mentre alle 23 il cancello di ingresso si chiude automaticamente, a protezione dell’area.

Il sindaco di Vaglio Serra Romeo Verri all’ingresso del “Giardino dei tassi”

Una visita al borgo storico di Vaglio Serra

Il piccolo borgo di Vaglio Serra, a cinque minuti di auto da Nizza Monferrato, merita certamente una visita. Insieme al sindaco Verri proseguiamo la passeggiata nel centro storico. Oltre al “Giardino dei tassi”, motivo di interesse sono le due chiese singolarmente edificate una accanto all’altra, il “Croton”, la terrazza dell’edificio comunale, corredata da un bel giardino, da cui si può ammirare il panorama e che offre anche la vista sul castello di Vaglio, oggi casa vacanze, accanto al ristorante “Piazza Crova 3”; poco più in là si trova l’ex asilo infantile, altra costruzione voluta dalla famiglia Crova e su cui campeggia lo stemma dei Baroni. Una piacevole passeggiata nella storia che sarà accompagnata da un sorprendente profumo di liquirizia: sono le piante che insieme ad altre specie ornamentali ricoprono il fianco sottostante la sommità del borgo, corredato da camminamenti e realizzato anch’esso nelle passate amministrazioni Fornaro.

Articolo precedente
Articolo precedente