Maxi-Bandiera (3)
Attualità
Poste Italiane

Anche cinque dipendenti delle Poste astigiane sulla maxi bandiera per i quarti di finale degli Europei

Da tutta la provincia per il tricolore che campeggia a Roma sulla facciata della sede centrale all’Eur

Sono cinque i dipendenti di Poste Italiane della provincia di Asti presenti sulla bandiera alta 60 metri e larga 15. La bandiera da record firmata Poste Italiane è composta da oltre 1.200 volti di dipendenti dell’azienda e copre una superficie totale di 900 metri quadrati.

Tra le tante foto inviate dai colleghi di tutta Italia anche quella di cinque astigiani che hanno deciso, alle soglie dei Quarti di Finale di unirsi al tifo per la nazionale italiana per la prima volta insieme, in un unico tricolore.

Si tratta di Graziella Maria Vittoria Bosso, Specialista di Staff, Agata Campobasso, Venditrice PAL, Giulia Perazza, Portalettere, Antonio Gallo, Operatore di Sportello e Franco Visconti, direttore dell’Ufficio Postale di San Damiano D’Asti.

“Ho partecipato con spirito ludico – afferma Visconti – in una iniziativa diversa dal solito, che mi ha permesso di mettere in luce il mio senso di appartenenza all’azienda”

Antonio Gallo viene dalla Calabria e ha un sogno nel cassetto: “Sono un grande appassionato di calcio – dice il giovane dipendente di Poste Italiane – e mi piacerebbe entrare a far parte della Nazionale di Poste. Intanto mi godo questa splendida emozione, essere tra i volti presenti sulla bandiera mi riempie d’orgoglio”

La maxi-bandiera ricopre interamente la facciata dell’edifico che ospita la sede centrale di Poste Italiane a Roma e riporta il volto di migliaia di dipendenti dell’azienda che hanno partecipato all’iniziativa #Posteitaliani.

La bandiera svetta sulla sede centrale di Poste Italiane, nel quartiere dell’Eur all’entrata Sud di Roma, per un caloroso benvenuto a chi arriva nella Capitale e rimarrà esposta fino alla fine degli Europei di calcio.

Franco Visconti
Antonio Gallo

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo