Cerca
Close this search box.
lucio sito
Attualità
Lutto

Asti, addio a Lucio Tomalino, partigiano e storico presidente dell’Israt

Pochi mesi fa aveva festeggiato 75 anni di matrimonio con la moglie Amelia. Finita la guerra fece carriera nel mondo dell’enologia

Si è spento all’età di 98 anni, nella sua casa di Chiavari, Lucio Tomalino, partigiano e storico presidente dell’Istituto Storico della Resistenza di Asti.

Di lui e della sua storia avevamo parlato recentemente, a fine febbraio, quando aveva festeggiato con la moglie Amelia Casaloni il 75.mo anniversario di matrimonio, le rarissime “nozze di brillanti”.

Tomalino, nonostante il suo recente trasferimento a Chiavari, era molto conosciuto ad Asti.

Intanto per la sua brillante carriera di enologo al servizio di numerose e prestigiose cantine vinicole e poi, soprattutto, per la sua lunghissima presidenza dell’Israt.
Lui della Resistenza è stato un protagonista, con il nome di battaglia “Vetta”, nella Divisione partigiana Langhe.
Nato a Vernazza, nelle splendide Cinque Terre, ha profonde radici astigiane per via del padre, originario di Castello d’Annone. Ha frequentato la Scuola Enologica di Alba e legato la sua giovinezza a quella di uno zio paterno di ritorno dagli Stati Uniti dove aveva lavorato come scenografo di Charlie Chaplin.
Il richiamo delle radici riportò lo zio a Castello d’Annone dove comprò una cascina e si mise a coltivare la terra con l’aiuto di quel nipote, Lucio, a cui era molto legato.
Poi gli anni della Seconda guerra mondiale e la Resistenza che ebbe anche in Amelia, sarta di Castello d’Annone, una staffetta partigiana coraggiosa.

Finita la guerra, Tomalino lavorò per molte aziende astigiane e intraprese anche la carriera di consulente enologo per stabilimenti vinicoli in Sud America, Russia e Polonia, nazioni in cui erano cominciati gli impianti vinicoli intensivi.
Sempre affiancando il suo instancabile impegno per il mantenimento della memoria della Resistenza.Lucio Tomalino lascia la moglie e due figli: Enrico e Massimo, (quest’ultimo fondatore e presidente del Magmax di Asti, il museo di mineralogia più piccolo del mondo) e una vivace folla di nipoti e pronipoti.

Domani mattina il funerale che si terrà a Chiavari; la salma sarà poi tumulata nel pomeriggio, verso le 15,  nel cimitero di Castello d’Annone.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Scopri inoltre:

Edizione digitale