La Nuova Provincia > Attualità > Asti: dimesso l’ultimo paziente ex Covid dalla Clinica San Giuseppe
Attualità Asti -

Asti: dimesso l’ultimo paziente ex Covid dalla Clinica San Giuseppe

Si è trattato di un un ottantaduenne dichiarato guarito che è tornato a casa in ottime condizioni fisiche

Asti: la Clinica San Giuseppe non ha più alcun paziente Covid

Dimesso l’ultimo paziente ex Covid dalla struttura della Clinica San Giuseppe di via al Castello. È successo mercoledì scorso, 22 luglio, quando un ottantaduenne dichiarato guarito è tornato a casa in ottime condizioni fisiche. Si è concluso così, con un affettuoso abbraccio virtuale tra famigliari e operatori, il lungo e difficile periodo che la RSA ha affrontato dagli ultimi giorni di aprile quando il reparto Al Castello, totalmente indipendente, era stato allestito per ospitare in piena sicurezza pazienti covid positivi dimessi dall’ospedale Cardinal Massaia di Asti.

“La rapida riorganizzazione degli spazi – afferma Giorgio Maldonese, A.D. della Cooperativa Sociale Il Faro – è stata possibile grazie al fatto che la Clinica San Giuseppe è una struttura completamente nuova, modulabile negli spazi e flessibile nell’organizzazione interna.” In questi mesi sono stati ospitati settantadue pazienti ospedalieri “è stata un’esperienza molto importante e formativa della quale faremo tesoro – ha commentato il Dott. Maldonese – ma dopo quest’ultima dimissione potremo tornare a dedicarci a tempo pieno alla reale vocazione della RSA, quella di Residenza Sanitaria Assistenziale di lunga degenza dove, oltre alla semplice assistenza viene dato molto spazio alle attività occupazionali, ricreative culturali e di supporto alle attività quotidiane.”

Un grande ringraziamento è stato infine rivolto a tutti i medici, infermieri, oss, fisioterapisti, all’ASL territoriale, ai medici dell’Usca e a tutti coloro che hanno supportato la degenza Covid, un lavoro di squadra prezioso e determinante per la corretta gestione dell’emergenza sanitaria, che ha saputo fornire la giusta risposta alle necessità dei cittadini.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente