Fantasia Regalo - Casa Design
Attualità

Asti: dopo 35 anni sta per chiudere “Fantasia Regalo”

Il 30 settembre la città dirà addio a un’altra storica attività che venne aperta a metà degli anni ’80 in corso XXV Aprile

E’ uno dei negozi più conosciuti di Asti e chiuderà per sempre il 30 settembre

Quando si abbassano per sempre le saracinesche di un negozio avviene, in un modo o nell’altro, un impoverimento che colpisce l’intera comunità. Con i ritmi incalzanti del commercio digitale, dove le attività si aprono e si chiudono dalla sera alla mattina a colpi di click, perdere una realtà rimasta operativa per quasi 35 anni, sempre nello stesso luogo, significa perdere un pezzo di storia che difficilmente potrà essere rimpiazzato. Il 30 settembre “Fantasia Regalo – Casa Design”, con sede in corso XXV Aprile, spegnerà per sempre le luci sulle grandi vetrine che hanno visto transitare, in primis, migliaia di neo sposi alla ricerca della lista nozze più indicata, ma anche clienti desiderosi di fare un regalo per ogni occasione o di rinnovare l’illuminazione di casa grazie alle numerose proposte del reparto appositamente dedicato.

Il negozio, oggi gestito da Dario Caredio, Luciana Ferrero e Mario Finello, nacque a metà degli anni ‘80 per volontà dell’indimenticato Luigi “Gino” Carbone, il “signore dei giocattoli” grazie alla sua società De.Car, e della moglie Anna.

Il 1° luglio 1992 Luciana e Mario acquisirono l’attività e, con grande passione, competenza e voglia di mettersi in gioco, rivoluzionarono l’offerta commerciale puntando sempre di più sulle liste nozze, casalinghi, elettrodomestici e complementi d’arredo dismettendo la parte dei giocattoli.

Nel 1998 nella squadra entrò Dario Caredio dopo un’esperienza ventennale come responsabile dell’ufficio acquisti della Vetreria. Grazie anche alle sue competenze nel settore elettrotecnico, “Fantasia Regalo” iniziò ad espandere la propria offerta nel reparto dell’illuminazione ancora oggi uno dei punti forti dell’attività.

Con il passare degli anni e con il cambiare delle abitudini dei giovani, sempre meno propensi, in caso di matrimonio, a fare la classica “lista nozze”, “Fantasia Regalo” ha saputo cambiare le sue offerte, sempre di alta qualità, ma più incentrate sui complementi d’arredo, l’illuminazione, gli articoli per la casa di design delle più note marche del settore. Grazie a questa continua innovazione, il negozio ha affrontato l’arrivo dell’e-commerce che ha colpito, come uno tsunami, ogni settore del commercio tradizionale.

Come sono cambiate le scelte e i gusti degli astigiani

«Ma non è solo Amazon ad aver inferto un duro colpo ai negozi di prossimità – commentano i titolari – è anche la mancanza di una certa “cultura della casa”, almeno per quanto ci riguarda, che oggi influenza le scelte della gente. Amazon può venderti un oggetto, ma come fai a vederlo dal vivo, a toccarlo, ad accertarti che una data lampada faccia la luce che ti serve? Sono informazioni che solo un negozio tradizionale può offrirti, senza considerare tutta l’assistenza post vendita che il digitale non può dare con la stessa qualità di chi, invece, esiste fisicamente sul territorio».

Ma ogni storia, anche le più belle, ha un inizio e una fine e per “Fantasia Regalo – Casa Design” la scelta di chiudere l’attività è arrivata in un anno già di per sé molto complicato a causa della pandemia da Coronavirus.

Chi andrà in pensione e chi punta a restare ad Asti con un nuovo progetto

Dario Caredio ha deciso di godersi la meritata pensione e di dedicarsi alla famiglia e ai suoi tanti hobby, tra cui lo sport che ha ereditato dal papà Fernando “Nando” Caredio, conosciuto istruttore di nuoto e decano dei bagnini astigiani.

Per Luciana Ferrero, invece, più che un addio dovrebbe essere un arrivederci a presto: «Amo talmente il lavoro che faccio – commenta con la voce commossa – che sicuramente continuerò a far parte della città di Asti con nuove idee e progetti».

Il ringraziamento a tutti i clienti

Luciana, Mario e Dario vogliono insieme ringraziare tutti coloro che in questi lunghi anni hanno dato loro fiducia e sono diventati clienti affezionati. «Crediamo – continuano i titolari – che abbia premiato l’onestà con cui abbiamo sempre lavorato e la nostra correttezza verso chiunque abbia chiesto la nostra collaborazione per allestire l’illuminazione di casa o anche fare una lista nozze. Non abbiamo mai cercato di vendere tanto per farlo perché non è mai stata questa la nostra priorità».

Quando il 30 settembre le luci si spegneranno per sempre, nelle vetrine di “Fantasia Regalo – Casa Design” resterà un vuoto non solo perché nessuno subentrerà nella gestione dello storico negozio, ma perché, oggi, con una crisi economica devastante, è difficile pensare che qualcuno, magari giovane, slegato a logiche del franchising, decida di investire in un progetto così articolato come hanno fatto Dario, Luciana e Mario in tutti questi anni.

Come già detto, ogni vetrina che si spegne lascia spazio non solo ad un vuoto economico, ma anche sociale perché i negozi di prossimità sono presidi del territorio fondamentali come abbiamo avuto modo di toccare con mano nel recente lockdown quando abbiamo riscoperto l’importanza della “bottega” sotto casa a portata di mano.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo