Festival-delle-Sagre-guida-al-gustoso-week-end-59ae73c25440d1
Attualità

Asti, è ufficiale: niente Douja d’Or nè Festival delle Sagre a settembre

Salta l’edizione 2020 di una attesa e importante parte del Settembre Astigiano

Decisione nell’aria da settimane

Annunciata qualche settimana fa dal nostro giornale, arriva l’ufficialità della notizia dell’annullamento della Douja d’Or e del Festival delle Sagre per quest’anno.

Decisione presa a malincuore

«Seppur a malincuore, sentiti il Comune di Asti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, partner fondamentali nell’organizzazione del Salone nazionale “Douja d’Or” e del Festival delle Sagre, con i quali ci siamo attivamente confrontati nell’intento di individuare possibili soluzioni, siamo costretti a rinviare le manifestazioni al prossimo ann0 – spiega Renato Goria Presidente della Camera di Commercio – Gli eventi richiamano ad Asti migliaia di persone e sarebbe impossibile metter in atto misure sufficienti a garantire il rispetto delle regole di prevenzione dei contagi. Abbiamo purtroppo dovuto sospendere anche il Concorso nazionale di Vini, data l’impossibilità, in questo periodo di forti limitazioni, di gestire le Commissioni di degustazione dei campioni in gara».

Con l’abbuffata in piazza annullata anche la grande sfilata delle contadinerie

Le risorse saranno usate per sostenere l’economia locale

Il Presidente Goria sottolinea che le ripercussioni dell’epidemia sono molto pesanti non soltanto sotto il profilo sanitario, ma anche per il sistema economico: «Se la prima preoccupazione è stata quella di gestire l’emergenza sanitaria, ora bisognerà aiutare il sistema imprenditoriale in forte sofferenza a ripartire. La Camera di Commercio intende utilizzare le risorse destinate alle manifestazioni per sostenere interventi a favore delle imprese in difficoltà e per iniziative di rilancio del territorio, al fine di mantenere comunque vive le tradizioni che sono l’essenza della cultura, della storia e dell’economia della nostra provincia. Forti e orgogliosi del nostro passato, consapevoli delle enormi difficoltà del presente, vogliamo impegnarci a costruire, con la passione che ha sempre contraddistinto la Camera di commercio, un futuro per il territorio insieme agli enti, alle istituzioni e, soprattutto, alle nostre imprese».

Niente Douja d’Or 2021

«E’ solo un rinvio al prossimo anno»

«Le manifestazioni del settembre astigiano, Douja e Festival delle Sagre, costituiscono un prezioso patrimonio, una parte della nostra identità di territorio e vivono ogni anno grazie al lavoro di tante comunità che abbiamo la responsabilità, e il dovere, di tutelare – dice il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti Mario Sacco – La situazione attuale non ne permette, per quest’anno, l’organizzazione ma sono certo che il rinvio sarà occasione per presentare nel 2021, grazie all’impegno di tutti, edizioni rinnovate e ricche di contenuti. E la Fondazione non mancherà, come sempre, di dare il suo supporto».

«Altra vetrina del vino spenta dal coronavirus»

«Mi associo al rammarico della Camera di Commercio per questo rinvio al 2021 della Douja d’Or – dice il Presidente di Piemonte Land of Perfection Filippo Mobrici – Dopo oltre 50 anni, anche questa manifestazione è costretta a capitolare di fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19. Come rappresentante del mondo del vino, non posso che dispiacermi del fatto che un’altra importante vetrina delle eccellenze, non solo del territorio, si trovi costretta a spegnere le luci. Ci impegneremo comunque, fin da oggi, per organizzare nel 2021 un grande evento che confermi ad Asti quel ruolo di capitale del vino che le è stato riconosciuto negli ultimi anni, con grandi vantaggi per tutto l’indotto. E non mancheremo di lavorare per mantenere vivo, anche in questi momenti, l’interesse per questa importante rassegna».

Non si poteva decidere in altro modo

«Il Festival delle Sagre Astigiane sappiamo tutti essere una grande risorsa per il nostro territorio, una manifestazione riconosciuta a livello nazionale e non solo a cui tutte le pro-loco della provincia di Asti sono affezionate e tengono in modo particolare. Il successo di questi 46 anni – dice Luisella Braghero, Presidente UNPLI provinciale – lo dimostra ampiamente. Come Presidente delle pro-loco astigiane, seppur con grande dispiacere, concordo con la decisione della Camera di Commercio nella speranza che si possa uscire presto da questa difficile situazione e che l’edizione del prossimo anno possa tornare ad essere un grande Festival».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo