belle arti protesta green pass
Attualità
Il caso

Asti: il negozio di cornici “chiude” per protestare contro il green pass obbligatorio

Stefano Soriani, 60 anni, si sottoporrà ad un solo tampone alla settimana per aprire ai clienti venerdì e sabato: «Il lavoro è la base della nostra democrazia»

Quella di Stefano Soriani è una decisione notevole, presa per protestare, pacificamente, contro una misura che ritiene sbagliata e ingiusta. Soriani, 60 anni, è il titolare del negozio di cornici “Belle Arti” di viale Partigiani 83, ad Asti. Attività che gestisce da 30 anni dopo averla rilevata dai suoi genitori.

Per gli appassionati di arte il negozio di viale Partigiani è un punto di riferimento importante, ma da domani, venerdì 15 ottobre, qualcosa cambierà. Soriani ha deciso di chiudere al pubblico per buona parte della settimana per protestare contro l’istituzione obbligatoria del green pass sui luoghi di lavoro.

Il negozio rimarrà aperto ai clienti solo nei giorni di venerdì e sabato «perché – spiega il titolare – mi sottoporrò al tampone solo una volta alla settimana, il giovedì».

«Fino ad oggi ho sempre rispettato le regole anticovid: – continua – mascherina in presenza di altri, ho sempre igienizzato le cornici toccate dai clienti e permesso l’entrata in negozio a una persona alla volta. Ma l’obbligatorietà del green pass è un’altra faccenda considerato che il lavoro è la base della nostra democrazia. Mi viene imposto l’obbligo del green pass nonostante io lavori da solo, non abbia dipendenti e abbia sempre rispettato tutte le regole. Non è giusto».

Sbaglia chi pensa che Soriani sia un “no-vax” perché, in realtà, è un “no a questo vaccino”. «Non mi sono sottoposto al vaccino anticovid perché non lo ritengo come gli altri che ho fatto senza problemi. Ho fatto tutti i vaccini, ma dico no a questo che non è un vaccino. Abbiamo lavorato quando c’era davvero il pericolo di essere contagiati, ma ora che il rischio è molto più basso, ci impediscono di farlo. A queste condizioni non ci sto».

Il titolare del negozio “Belle Arti” non vuole incitare ad alcuna rivolta violenta e prende le distanze da frange estreme di “no-vax”, tipo quelle che hanno scatenato la guerriglia a Roma. «La mia è una forma di protesta molto semplice, ma ho già deciso che se questo obbligo dovesse durare a lungo, anche dopo il 31 dicembre, sarò costretto a chiudere definitivamente il negozio. Andrò a fare altro».

[foto Billi]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

8 risposte

  1. Faceva prima a dire che ha paura del vaccino. Io ho concluso il ciclo vaccinale a luglio…ma sono disoccupato e vista l’età non troverò un lavoro, quindi a me il green pass non servirà sicuramente per lavorare e neppure per andare al cinema, al ristorante o al bar perchè non me lo posso permettere, eppure mi sono vaccinato senza pensarci due volte, perchè non ho pensato solo a me. Se oggi il rischio è più basso io una domanda sul come mai me la farei…

  2. Hai perfettamente ragione, se tutti si fossero vaccinati non sarebbe neanche servito il green pass

  3. Ognuno è libero di scegliere, ma ancora qualcuno non ha capito che il green pass è una vigliaccata. Il problema che questo governo ricatta è subdolo.

  4. E chi se ne frega!!!!! . Andasse a fare i vaccino in vece di fare la vittima.
    Povero piccolo personaggio.

  5. Concordo, se tutti fossero vaccinati e controllassimo bene le frontiere a quest’ora il problema sarebbe bello che risolto.

  6. Nessuno gli vieta di lavorare: deve solo vaccinarsi. Come ho fatto io e milioni di italiani.
    Il contagio e’ calato proprio perché milioni di italiani di sono vaccinati e i negozi come il suo hanno potuto riaprire grazie a chi si e vaccinato.

    Se non ha voglia di lavorare può anche chiudere il negozio, ma non dia la colpa al green pass

  7. Se il signore chiuderà il negozio x andare a fare altro, dovrà comunque fare il green pass in quanto ( se non l’ha capito) il green pass è obbligatorio x tutti i lavoratori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail