La Nuova Provincia > Attualità > Asti, il ricordo indelebile di Fulvio Machetti, decano dei vigili del fuoco scomparso a 89 anni
Attualità Asti -

Asti, il ricordo indelebile di Fulvio Machetti, decano dei vigili del fuoco scomparso a 89 anni

Caposezione dei vigili del fuoco di Asti, partecipò agli interventi in Olanda, Irpinia e Vajont. L'affettuoso ricordo di Secondo Molino

Scomparso a 89 anni

Ha lasciato un profondo e affettuoso ricordo nelle tante persone che lo hanno conosciuto ed hanno lavorato con lui. E non poterlo accompagnare per un ultimo saluto ha aggiunto tristezza alla commozione che ha destato la notizia della sua scomparsa. Fulvio Machetti aveva 89 anni ed è mancato martedì scorso nella sua casa di Revigliasco. Era stato caposezione dei vigili del fuoco di Asti ed ha lasciato un ricordo indelebile nei suoi colleghi. A raccontare il suo lavoro affrontato sempre con tanta passione, responsabilità e una grande carica umana ci sono anche quelle fotografie custodite al comando astigiano: ad esempio l’immagine di Machetti sul mezzo anfibio con alle spalle i mulini a vento in occasione dell’intervento in Olanda per l’alluvione del 1953, tra le trasferte a cui partecipò, insieme a quelle per l’alluvione di Firenze, il terremoto in Irpinia e il disastro della diga del Vajont; oppure quella del suo tuffo a volo d’angelo sul telo usato nelle esercitazioni.

L’affetto degli amici e colleghi

«Un educatore autorevole, incorruttibile, inflessibile, duro ma dal cuore d’oro e, come qualcuno ha ricordato, non ha mai punito nessuno. Con il sorriso, parlandoci del passato, ci ha insegnato ad apprezzare il futuro – ricorda Secondo Molino, tra gli iscritti dell’associazione dei vigili, suo allievo negli anni ‘70 e amico – Dopo mezzo secolo, con l’ultima amorevole stretta di mano, si è concluso un bellissimo rapporto tra il maestro e l’allievo. Rimarrai sempre nei miei ricordi come una persona splendida». Nelle parole di Molino il dispiacere anche di non aver potuto esser presente al funerale per rendergli omaggio con il vessillo dell’associazione dei vigili del fuoco, come aveva fatto per tanti amici e colleghi. «L’ho visto per l’ultima volta alcuni mesi fa, quando sono andato a trovarlo a casa. È stato un momento intenso e il ricordo di un grande amico rimarrà per sempre», aggiunge Molino. Fulvio Machetti, vedovo da alcuni anni, lascia il figlio Danilo, contitolare del ristorante “Il Convivio” di Asti. Riposa nel cimitero di Revigliasco.

Articolo precedente
Articolo precedente