La Nuova Provincia > Attualità > Asti: la mensa sociale ha riaperto ai più poveri in cerca di un pasto caldo
Attualità Asti -

Asti: la mensa sociale ha riaperto ai più poveri in cerca di un pasto caldo

In vista della riapertura diversi amministratori di Asti hanno fatto visita ai locali e incontrato le suore che gestiscono il servizio

Ad Asti ha riaperto la mensa dei poveri di corso Genova

Ha riaperto oggi la mensa sociale di corso Genova 30 che era stata chiusa nel rispetto dei protocolli anti Covid. In vista della riapertura diversi amministratori di Asti hanno fatto visita ai locali e incontrato le suore che gestiscono il servizio.
Suor Luigina, responsabile della gestione quotidiana della mensa, ha accolto nel salone principale i rappresentanti del Comune e dell’Associazione “Dono del Volo” che in questo periodo di lockdown hanno fatto un gran lavoro di sinergia per rinnovare la struttura al servizio dei più poveri.
Parole di ringraziamento, sono state quelle rivolte dall’assessore Mariangela Cotto ai presenti, affermando che «l’interesse condiviso tra Comune e l’Associazione “Dono del Volo” e l’impegno dei volontari e dei benefattori hanno consentito di rinnovare i locali rendendoli più accoglienti e pronti per ripartire con il servizio».

In particolare sono stati ringraziati i volontari Virginio Oddone e la moglie Angioletta Monticone.
Al sopralluogo hanno partecipato il sindaco Maurizio Rasero, lo stesso assessore Cotto, il dirigente dei Servizi Sociali Roberto Giolito, la responsabile del servizio mensa Luisella Regge, il responsabile del servizio manutenzione edifici pubblici Luigi Russo, il presidente dell’Associazione “Dono del Volo” Caterina Calabrese con il marito Giorgio, presidente onorario, e Giusy Gobello tesoriere del sodalizio.
«Siamo molto soddisfatti dei risultati di questo grande lavoro di collaborazione che consente agli operatori che gestiscono quotidianamente il servizio di lavorare in un ambiente maggiormente attrezzato, migliorando così l’attività di sostegno concreto a chi vive in povertà e che necessita di punti di riferimento e di inclusione sociale» hanno quindi commentato il sindaco e l’assessore al termine della visita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente