Cerca
Close this search box.
regolari affidamenti fornitura cassonetti raccolta stradale
Attualità
Rifiuti

Asti, lunedì sera un presidio in piazza Catena contro la Tari «più cara del Piemonte»

Alle 18.30, prima del Consiglio comunale aperto, il comitato “Tari Giusta” invita i cittadini a “lasciare” Facebook e scendere in strada

Non è una rivolta, ma per ora solo un presidio. Però il comitato astigiano “Tari Giusta” invoca la piazza al posto della protesta su Facebook e chiede ai cittadini di manifestare contro la Tari «che è la più cara di tutto il Piemonte». Lunedì sera, alle 18.30, in piazza Catena (davanti agli uffici comunali di Palazzo Mandela) si svolgerà un presidio contro i nuovi aumenti della tassa rifiuti e il ritorno della raccolta tramite i cassonetti stradali. Il sit in di protesta anticiperà il Consiglio comunale aperto sulla Tari e sul sistema di raccolta dei rifiuti, richiesto da diversi consiglieri di minoranza, pronti a contestare, punto per punto, ciò che a detta loro non funziona nella nuova raccolta verticale.

Secondo il neo comitato “Tari Giusta” «il Comune fa cassa aumentando la spazzatura. Intanto Asp e Gaia fanno utili milionari che al 45% finiscono nelle tasche dei privati. L’aumento della Tari (in certi casi anche fino al 7%) colpisce duramente pensionati e lavoratori dipendenti, già impoveriti dall’inflazione». Ma non solo. Dal comitato sottolineano che «gli aumenti pesano particolarmente sui settori turistico e commerciale: bar, ristoranti ed esercizi devono pagare il doppio rispetto al resto del Piemonte».

Contestata anche la scelta di passare dal porta a porta al sistema di raccolta con i cassonetti in strada, che si aprono tramite card o sistemi digitali: «La raccolta dei cassonetti è un disastro – tuonano dal sodalizio – Torino, che per prima aveva reintrodotto la raccolta verticale, ora sta velocemente tornando al porta a porta».

Da qui l’appello agli astigiani di scendere in piazza per protestare contro l’attuale gestione e costo dei rifiuti. «Dicevano che la raccolta verticale avrebbe fatto risparmiare i cittadini, invece questo è il risultato – concludono dal sodalizio – In città c’è più immondizia in giro, la raccolta verticale è scomoda e inefficiente e le zone dov’è stata introdotta sono più sporche».

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link