strada crosa a casabianca4
Attualità
Lavori pubblici

Asti, risolto il “mistero” di strada Crosa: non ci sono i soldi per finirla

La strada di Casabianca “quasi terminata” da oltre quattro anni non sarà ancora riaperta – Ecco la replica dell’assessore Berzano che vive in paese

«Non c’erano i soldi allora, non ci sono neanche adesso. Con le risorse disponibili abbiamo preferito realizzare opere più importanti, dal punto di vista dell’utilità pubblica, di strada Crosa e questo i consiglieri di minoranza dovrebbero riconoscercelo. Ma tant’è». Così l’assessore al Bilancio Renato Berzano risponde ai consiglieri di minoranza Mauro Bosia e Michele Anselmo (Uniti si può) sullo strano caso della strada mai completata nonostante il 26 maggio 2017, un mese prima dell’arrivo di Maurizio Rasero in municipio, l’ex sindaco Fabrizio Brignolo e l’ex assessore ai lavori pubblici Alberto Ghigo avessero annunciato per imminente la riapertura del collegamento tra la frazione Casabianca e Valle Manina.

«Procedono a pieno ritmo i lavori per il ripristino e la riapertura di strada Crosa a Casabianca – avevano annunciato Brignolo e Ghigo nel 2017 – Nel luglio dello scorso anno si erano completati i lavori di ripristino della frana, realizzati grazie a un finanziamento regionale di 100.000 euro. Ora si sta realizzando il rifacimento della strada, con un intervento di circa 70 mila euro. La strada dovrebbe essere aperta entro il mese di giugno». Così non è stato, nonostante i «lavori a pieno ritmo» e anche se gli interventi per la messa in sicurezza della frana furono regolarmente eseguiti, probabilmente indispensabili per non creare ulteriori criticità, il resto è entrato nel libro delle opere incompiute.

«Bosia e Anselmo – continua l’assessore Berzano che abita proprio a Casabianca – ci contestano che sia io, sia il presidente del Consiglio comunale, ma anche la capogruppo della Lega viviamo a Casabianca e che, non asfaltando la strada, avremmo “trascurato il nostro territorio”. Bene, io ribalto il ragionamento e dico che proprio perché abitiamo qui e avremmo avuto gioco facile a trovare i finanziamenti per finire quella strada, circa 80 mila euro, abbiamo deciso che non fosse una priorità perché la precedente amministrazione aveva lasciato incompiute molte opere pubbliche ben più urgenti. Ad esempio abbiamo riaperto il ponte a Montegrosso Cinaglio, tanto per dirne una. Il nostro, quindi, è stato un atteggiamento da buon padre di famiglia e di estrema responsabilità verso i cittadini e i soldi pubblici».

Strada Crosa, quindi, resterà chiusa almeno fino a quando non si troveranno le risorse necessarie per completare i lavori di riasfaltatura, forse nel prossimo bilancio di previsione. Se così fosse è probabile, in ogni caso, che questa volta i comunicati stampa di riapertura della strada saranno diffusi solo a lavori ultimati.
Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo