Cerca
Close this search box.
Municipio Comune di Asti
Attualità
Bando ministeriale

Asti si aggiudica 4,3 milioni per opere pubbliche

Ecco come verranno investiti per finanziare lavori pubblici attesi da tempo

Il Comune di Asti è riuscito, ancora una volta, a ottenere un buon punteggio in un bando ministeriale volto a finanziare opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Il bando concedeva alle amministrazioni comunali di poter prevedere più interventi per un massimo richiedibile di 5 milioni di euro e l’assessorato ai Lavori Pubblici, guidato da Stefania Morra, è riuscito in poco tempo a presentare un dossier di lavori per oltre 4,9 milioni di euro.

Di questi, Asti ne porta a casa circa 4,3, così da sostenere i lavori, senza cofinanziamenti, di sette dei dieci interventi proposti. I cantieri finanziati saranno i seguenti: intervento di manutenzione straordinaria su cavalcavia/cavalcaferrovia Giolitti (994.000 euro), realizzazione della passerella pedonale in corso Savona parallela al ponte ferroviario (995.000 euro), manutenzione straordinaria su infrastrutture viarie in zona urbana (169.000 euro), manutenzione straordinaria su infrastrutture viarie in zona extraurbana (986.000 euro), miglioramento delle condizioni di sicurezza degli edifici scolastici comunali – scuole dell’infanzia (350.000 euro), miglioramento delle condizioni di sicurezza degli edifici scolastici comunali – scuole primarie (450.000 euro), miglioramento delle condizioni di sicurezza degli edifici scolastici comunali – scuole secondarie di primo grado (350.000 euro).

«Questa amministrazione – evidenziano l’assessore Morra e l’assessore alla Ricerca Finanziamenti Bologna – grazie all’ottimo lavoro dei nostri uffici, che nell’arco di breve periodo, sono riusciti ad elaborare la progettazione richiesta, ha presentato istanza per il finanziamento di opere per un totale di 4.959.000 euro senza cofinanziamento del Comune».

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale