La Nuova Provincia > Attualità > Asti, si apre la maratona del Bagna Cauda Day
Attualità Asti -

Asti, si apre la maratona del Bagna Cauda Day

Da stasera a domenica in 158 locali. Oggi Carlin Petrini riceverà il premio Testa d'Aj e il Trio Medusa accenderà il fujot gigante in piazza Statuto

Verso il tutto esaurito

Praticamente tutto esaurito nei 158 locali fra Asti, provincia e resto del mondo (tanto per restare umili) che partecipano alla settima edizione del Bagna Cauda Day.

Un appuntamento nato quasi per scherzo dalla mente dello staff della redazione della rivista Astigiani che in pochi anni è diventato irrinunciabile. Un evento che ha definitivamente sdoganato il piatto più odoroso della cucina piemontese trasformandolo in un must dell’autunno. E se pensate che gli ingredienti della bagna cauda siano solo olio, aglio, acciughe e un bel po’ di verdure fresche di stagione vi sbagliate: il Bagna Cauda Day è diventato tale grazie ad un ingrediente in più, di quelli che la ricetta tradizionale non prevedeva, ovvero l’ironia.

Eventi collaterali (con ironia)

Intorno ad una delle cene o dei pranzi che si susseguiranno da oggi a domenica sera, è nato tutto un mondo di eventi collaterali che vanno dal bagna cauda market in piazza Statuto alla bagna a palchetto per ballare come una volta; dalla marcia cauda di domenica mattina per smaltire un po’ di calorie al bagna cauda clic, contest fotografico su Instagram.

Torna l’eroico bacio di mezzanotte

Attesissimo il Barbera Kiss di sabato a mezzanotte quando in piazza Statuto avverrà il bacio collettivo fra i bagnacaudisti.

Qualunque sia il locale in cui si sceglie di prenotare la bagna cauda nei tre giorni di evento, il prezzo sarà uguale per tutti: 25 euro compreso di bavaglione da collezione quest’anno firmato da Giacomo Ghiazza e il vademecum per un perfetto galateo della bagna.

Il Trio Medusa accenderà il fujot gigante

Due le importanti novità dell’edizione 2019.

La prima riguarda l’accensione di un fujot gigante che darà il via questa sera, venerdì, alla maratona della bagna cauda in piazza Statuto. Una cerimonia dal sapore olimpico per la quale è attesa la partecipazione del Trio Medusa di Radio Deejay che aprirà anche la postazione video “La Botte delle verità” a cura di Iccom.

Bagna cauda Pax

L’altra ha il sapore dolce della pace. Domenica, infatti, nello storico refettorio del Seminario in via Giobert, la cuoca ebrea Daniela Diveroli e la cuoca musulmana Zoulikha Laradji cucineranno insieme la bagna cauda sotto la supervisione di Pina e Piero Fassi per poi distribuirla agli uomini e alle donne di tutte le fedi che vorranno ritrovarsi intorno alla tavola per mangiare insieme un piatto che si adatta ad ogni restrizione religiosa.

 

Il Bagna Cauda Day non si limita ad una seppur piacevole condivisione del piatto a tavola. Visto che è il simbolo di un territorio, il frutto di una storia contadina e di un modo di pensare il gusto con un occhio al risparmio, merita di essere qualcosa di più di una tipica salsa piemontese.

Fra Unesco e Academy

Per questo si sta lavorando a due progetti paralleli: il primo è la preparazione del dossier per chiedere il riconoscimento Unesco della bagna cauda quale patrimonio immateriale dell’umanità. L’avanzamento lavori per questo progetto sarà presentato oggi alle 16 in Municipio nell’incontro dal titolo “La bagna cauda merita l’Unesco?”. Fra i relatori anche i rappresentanti di Comuni (Asti, Carmagnola, Caraglio, Nizza, Acqui Terme) e Consorzi (Barbera d’Asti, Cardo Gobbo di Nizza) legati ad una sorta di “gemellaggio” nella Bagna Cauda Academy che punta ad un piatto non solo pienamente tracciabile, ma realizzato con i miglior ingredienti del territorio.

Oggi Carlin Petrini ad Asti per ricevere la Testa d’Aj

Sempre oggi, a seguire, consegna del Premio Testa d’Aj 2019 a carlin Petrini, presidente di Slow Food International e primo sostenitore della biodiversità nei campi e a tavola.

Domani pomeriggio, sabato, in piazza Statuto incontro per capire chi ha inventato la bagna cauda, fra storia, citazioni, leggende raccontate dal giornalista Luigino Bruni.

Ancora bagna cauda a parole domenica pomeriggio al Cpia con la premiazione, alle 16, delle classi che hanno partecipato al progetto didattico “Bagna alla lavagna” con le loro ricerche storiche sul piatto.

Programma completo su www.bagnacaudaday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente