La Nuova Provincia > Attualità > Asti, Zoe, 6 anni, dona i suoi lunghi capelli ai bambini malati
Attualità Asti -

Asti, Zoe, 6 anni, dona i suoi lunghi capelli ai bambini malati

La piccola ha consegnato la sua treccia di 40 centimetri alla parrucchiera che la invierà ad un'associazione benefica

Prima di lei l’aveva fatto Anita

I buoni esempi sono contagiosi e due bambine astigiane con il loro piccolo grande sacrificio personale danno una grande lezione di solidarietà.
Qualche settimana fa era stata Anita a prendere una decisione molto sofferta dall’alto dei suoi 9 anni. Per vicinanza e solidarietà ai bambini oncologici ha deciso di farsi tagliare i capelli (mai neppure spuntati dalla nascita) e di regalare la treccia ad una associazione che, in collaborazione con una azienda che si occupa di parrucche ed extension, la “trasformava” in numerose parrucche per bambini sottoposti a chemioterapia.
La scorsa settimana è stata Zoe, che di anni ne ha solo 6 compiuti da poco, a fare la stessa cosa.

Zoe, 6 anni

Decisione presa l’estate scorsa

«Zoe ha leggermente spuntato i suoi capelli una sola volta da quando è nata – racconta intenerita la madre, Lisseth – ed è sempre stata molto fiera della sua lunga chioma. Tutto è nato questa estate, quando abbiamo letto insieme un libro per bambini “La Treccia” che racconta la triste storia di un villaggio in India dove tutte le bambine portavano i capelli lunghissimi. Lei e sua madre ad un certo punto fuggono e incappano in mille difficoltà così i capelli diventano un voto a Dio se si salvano».
Questa storia ha particolarmente colpito Zoe che, autonomamente, ha cominciato a dire a tutti che voleva regalare i suoi capelli ai bambini meno fortunati di lei, quelli malati. Uno slancio di generosità che ha attraversato tutto l’inverno e che giovedì scorso ha finalmente trovato la soddisfazione di diventare realtà.

Quaranta centimetri di treccia

Al salone Stellamaris e Valentina, Zoe si è presentata con la sua mamma e con l’intenzione di tagliare i suoi 40 centimetri di treccia. Occhioni lucidi quando Valentina ha chiesto per l’ultima volta alla piccola se era sicura di quel passo ma poi un sì deciso e subito dopo uno sguardo alla mamma: “Sono felice di quello che ho fatto” le ha detto.
La trecciona ora è in custodia dalla parrucchiera Valentina che sta perfezionando i contatti con le associazioni che si occupano di trasformare i bellissimi capelli delle bambine in un prezioso regalo per restituire un po’ di normalità ai bambini che vivono lo strettissimo passaggio della malattia oncologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente