La Nuova Provincia > Attualità > Atc: polemiche sulle nomine per la gestione delle case popolari e nessun astigiano nel consiglio Piemonte Sud
Attualità Asti -

Atc: polemiche sulle nomine per la gestione delle case popolari e nessun astigiano nel consiglio Piemonte Sud

Si discute sull'inconferibilità di un consigliere di Alba. Presidente, vice e altri consiglieri sono tutti di Alessandria o Cuneo

Arrivate alla fine dell’anno

Polemica di inizio anno per la Giunta Regionale che ha rinnovato i vertici delle Atc piemontesi, le agenzie territoriali casa che gestiscono il vasto patrimonio di alloggi popolari del Piemonte.

Vertici che cambiano con il cambiare delle giunte e che erano in proroga fino a novembre quando la giunta Cirio ha nominato i nuovi consigli di amministrazione.

L’Atc di Asti, da qualche anno, è stato accorpato nel quadrante Piemonte Sud che ci accomuna con le province di Alessandria e Cuneo.

Nessun astigiano in cda

E, a sorpresa, nel consiglio di amministrazione non vi è neppure un astigiano mentre nel precedente vi sedevano il geometra Paolo Boccardo e l’attuale onorevole Andrea Giaccone (il quale si era però già dimesso alla sua nomina ad assessore al Comune di Asti).

Il nuovo consiglio, invece, vede la presenza come consiglieri di Barbara Beatrice Bovone (Alessandria), Marco Buttieri (Cuneo), Ambrogio Garzino (Cuneo)  e Mario Canova (Cuneo).

Consigliere comunale fino a giugno scorso

In attesa della nomina del presidente, proprio la nomina di quest’ultimo, però, ha scatenato un polverone perchè è stata eccepita, dalla minoranza, la sua “inconferibilità”. Secondo la legge Severino, infatti, non poteva entrare in consiglio di amministrazione chi aveva ricoperto ruoli elettivi all’interno di amministrazioni pubbliche senza aver fatto passare almeno un anno di “vacanza”. E Canova era consigliere comunale di Alba fino al giugno scorso. Una nomina, la sua, che aveva fatto infuriare anche molti altri candidati che, trovandosi nelle sue stesse situazioni, non avevano neppure presentato domanda per non incorrere nella violazione della legge Severino.

Stessa questione ha riguardato la nomina di un altro consigliere, Marco Marchioni dell’Atc Piemonte Nord.

Presidente è Caviglia, di Alessandria

Questo intoppo ha lasciato in sospeso per un po’ la nomina dei presidenti e vicepresidenti che, però, è arrivata al 31 dicembre, ultimo giorno dell’anno, lasciando invariati i consigli, quindi anche i due consiglieri ritenuti inconferibili.

Per il Piemonte Sud presidente è stato nominato Paolo Caviglia, di Alessandria e Buttieri ricoprirà il ruolo di vice.

Sulla vicenda l’Assessore compentente, Chiara Caucino con la delega alle Politiche della Casa, pcommenta: «Spetta alla Giunta regionale la sola nomina di presidente e vicepresidente. I componenti del consiglio di amministrazione sono di nomina del Consiglio regionale. In merito poi alla problematica dell’incompatibilità che riguarda il cda, è stata affrontata e risolta dal Consiglio regionale prima di effettuare le nomine stesse. I vertici Atc non hanno nessuna problematica di incompatibilità».

E sull’assenza di astigiani nel cda replica: «Le nomine effettuate dal Consiglio regionale hanno, infine, privilegiato i curricula dei candidati, più che la provenienza territoriale».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente