La Nuova Provincia > Attualità > Attesa per lo sketch di Casa Surace al Festival delle Sagre perchè, in fondo, “La vita è un saGrificio”
Attualità Asti -

Attesa per lo sketch di Casa Surace al Festival delle Sagre perchè, in fondo, “La vita è un saGrificio”

I giovani e seguitissimi attori erano ad Asti sabato e domenica. Il video andrà in onda su Food Network

Erano in città nel week end

Chi vive qui, qualunque sia la sua origine, non trova niente di strano nel fatto che possano esserci almeno tre tipi di agnolotti diversi e considera la bagna cauda uno dei piatti più appetitosi che si possano trovare in tavola; se si parla di pasta lunga pensa subito ai tagliolini all’uovo e i tomini non potrebbero mai finire in tavola se non accompagnati da una salsa verde.
Ma provate a vedere questi e altri piatti della tradizione con gli occhi di una persona che viva, ad esempio, in Calabria o in Sicilia e le reazioni delle papille gustative non saranno più così scontate.

Milioni di followers su Youtube

Un gioco che è riuscito domenica a pranzo al gruppo di attori di Casa Surace, felicissima realtà di Youtube con milioni di ammiratori.
I ragazzi di Casa Surace sono arrivati ad Asti sabato mattina, nel pomeriggio hanno fatto una visita alla città con alcune riprese dei monumenti più importanti e sabato sera hanno tentato un primo approccio al festival delle sagre.
Ma è stato domenica a pranzo che si sono scatenati nelle casette del villaggio gastronomico mettendo in scena alcuni dei loro amatissimi sketch.

Disputa fra Nord e Sud sui piatti in piazza

Per una volta non hanno portato nonna Rosetta di Casa Surace, ma la sfida tra Nord e Sud sui piatti delle Sagre astigiane si è disputata fra Daniele e Ricky.
Tutto quanto girato finirà in una “striscia” di 3-4 minuti che andrà in onda sul canale tv Food Network nell’ambito della loro rubrica “La vita è un saGrificio” che già la dice lunga sull’approccio alle centinaia di feste strapaesane italiane.
Loro ne hanno scelte 8 in tutta Italia e fra queste vi è il festival astigiano. E’ tanta la attesa per vedere il video che hanno realizzato.
Inseguiti dai tanti followers astigiani, di ogni età, quelli di Casa Surace si sono “rivelati” fin da sabato con alcune foto su Instagram degli angoli più conosciuti della città, ovviamente con pose e inquadrature proprie del loro personale e simpaticissimo stile.

Simpatia, ironia, ritmo da web: tutto questo caratterizza i video dei ragazzi che sono diventati un vero cult nato intorno ai comportamenti dello studente del Sud catapultato al Nord per frequentare l’Università.

«Stupiti che ci conoscessero anche qui»

Cosa pensano di Asti star del web come i Casa Surace?
«Una bellissima città, che ci è piaciuta molto – risponde Daniele a nome di tutti – Molto accogliente. Ci ha molto sorpresi essere riconosciuti anche da followers astigiani che ci seguono e ci conoscono molto bene. In genere, il target di chi ci segue è quello di studenti fuorisede, visto che facciamo parodie su di loro. Stupiti invece per la popolarità anche in una città come Asti che non è una sede universitaria conosciuta in tutta Italia».

«Una città che si accende e poi si spegne»

E cosa ne pensano del “movimento” di questi giorni di festa?
«Bellissimo, ma la nostra impressione è che questa città si accenda solo per il Settembre Astigiano e che poi, nel resto dell’anno,si adagi».
E non ci sono mica andati tanto lontani.
La loro partecipazione al Festival delle Sagre è un duplice tentativo dei suoi organizzatori di attrarre alla manifestazione quella parte di pubblico giovanile che oggi ancora non la conosce ma che, al contrario, prende molto sul serio quanto passa per il web.
Inoltre vi è una ragione più strettamente geografica che ha spinto per l’invito degli youtuber: far conoscere il Festival delle Sagre anche nel sud dell’Italia, allargando la sua popolarità.

Articolo precedente
Articolo precedente